Tav, autonomie, caso Diciotti, reddito di cittadinanza, nomine: i 5 dossier su cui litigano Salvini e Di Maio

5/6Politica

La sfida sulle modifiche ai cavalli di battaglia reddito di cittadinanza e quota 100


default onloading pic
Il vicepremier Luigi Di Maio, durante la presentazione del reddito di cittadinanza (Ansa)

Un altro tema molto delicato nella maggioranza è costituito dalle proposte di modifica al decretone reddito di cittadinanza - quota 100, all'esame della Commissione Lavoro del Senato. La prima misura è stata il cavallo di battaglia di M5s durante la campagna elettorale, mentre il superamento della Fornero è stato fortemente voluto dalla Lega. Sono stati presentati quasi 1.600 emendamenti. Da M5S e Lega è arrivato un numero contenuto di proposte di modifica: rispettivamente 34 e 43. Il maggior numero di emendamenti è giunto da FdI, circa 900; segue FI con 236; il Pd con 225 e circa 130 da Leu.

La Lega deve rispondere alle perplessità espresse dal proprio elettorato, in particolare dal mondo delle aziende, su una misura – il reddito di cittadinanza – che avrebbe una forte portata assistenziale, e una portata minima sul fronte della riduzione del costo del lavoro e del rilancio di un'economia in recessione tecnica.

Ecco allora che nel pacchetto degli emendamenti proposto dalla Lega in materia reddito di cittadinanza rientrano paletti ancora più stringenti per limitare la platea degli stranieri che possono accedere all’incentivo al reddito.

Con una delle proposte, ad esempio, si esclude la possibilità che per chiedere il reddito sia sufficiente la presenza di un familiare in possesso di un permesso di soggiorno mentre un altro emendamento stabilisce l'obbligo di certificazione, tradotta in italiano, della composizione del nucleo. Un paletto battezzato “anti divano” prevede come requisito per beneficiare del reddito che almeno uno dei componenti del nucleo familiare «abbia corrisposto, nei dieci
anni precedenti, imposte e contributi da lavoro, in un qualsiasi importo e per almeno 24 mesi, anche non continuativi».

Un altro emendamento chiede che ogni mese arrivi all’Inps l’attestato dell’adempimento degli obblighi prima dell'accredito mensile del reddito. È anche previsto un anno di servizio civile obbligatorio per i richiedenti il reddito di cittadinanza che abbiano tra i 18 ed i 28 anni.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...