ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLeader della sostenibilità 2022

La sostenibilità diventa priorità strategica anche per le assicurazioni

Focus sulla decarbonizzazione del portafoglio ma la guerra non aiuta. Da agosto temi green e social nei test di adeguatezza

di Federica Pezzatti

Quartier generale. IL rendering del grattacielo Unipol a Milano, in via di ultimazione

4' di lettura

La guerra non ferma la lunga marcia delle assicurazioni verso un modello economico globale sostenibile. Anche se per ora, stando alla classifica dei leader di sostenibilità del Sole-24 Ore, il peso delle compagnie è ancora vicino al 2,5% sul totale delle aziende nel ranking.

A spronare l’azione dei board verso le tematiche Esg c’è anche la normativa. Dopo l’introduzione dell’obbligo della rendicontazione non finanziaria del 2017 e le successive novità, l’agenda delle compagnie è ancora fitta di appuntamenti.

Loading...

Sarà sempre più coinvolta tutta la strategia dei gruppi, reti comprese: sono in fase di consultazione le linee guida di dettaglio dell’Eiopa (l’Authority di settore europea) per inserire, già dal prossimo 2 agosto, nella valutazione di adeguatezza delle polizze anche le preferenze di sostenibilità dei clienti. Novità anche sul fronte dei prodotti assicurativi: dal 1° gennaio 2023 occorrerà inserire i nuovi standard informativi nei Kid. La “pressione del regolatore” si muove in linea con l’evoluzione normativa comunitaria la quale ha imposto l’adattamento al nuovo quadro regolamentare, soprattutto nell’ultimo anno. E il percorso potrebbe continuare visto che la sostenibilità ambientale è tra i temi centrali anche della revisione della direttiva Solvency II. «Nel quadro di questa revisione (ancora in fase di negoziato al Consiglio europeo) non si prevede per il momento un trattamento prudenziale specifico per gli attivi o le attività associate a obiettivi ambientali o sociali – come ha spiegato Luigi Federico Signorini, direttore generale della Banca d’Italia e presidente dell'Ivass–. Tuttavia analogamente a quanto previsto per le banche, si intende chiedere all’Eiopa di fare una valutazione in merito entro il 2023 e di esaminare regolarmente l’ambito di applicazione e la calibrazione dei parametri della formula standard relativi al rischio di catastrofi naturali».

La proposta di prodotti assicurativi Esg è una delle direttrici su cui si muove il settore insieme alla definizione di una governance orientata a politiche a basso impatto e al corposo capitolo degli investimenti del proprio portafoglio verso business sostenibili. Su questo ultimo punto, come per gli altri player impegnati verso la transizione ecologica, l’addio al ”fossile”, che per questo settore significa non investire più su società attive in carbone e nell’oil (e neppure assicurarle), diventa sempre più “critico”, ora che l’impennata del gas mette momentaneamente in discussione il processo di uscita dai combustibili fossili di governi e società dell’energia. «Il Gruppo Unipol ha adottato da tempo politiche di sostenibilità che governano i processi caratteristici, indipendentemente dalle situazioni contingenti – spiega Marisa Parmigiani, head of sustainability & stakeholder management del Gruppo Unipol –. Sicuramente la crisi energetica conseguente al conflitto ci sta facendo interrogare sull’opportunità di adottare una strategia climatica attenta all’equilibrio di una giusta transizione che consideri non solo i lavoratori ma anche i cittadini consumatori» . Il gruppo Unipol ora fa parte alla Nzao (Net-Zero Asset Owner Alliance) con l’obiettivo della carbon neutrality al 2050 per gli investimenti e si impegna a ridurre le emissioni di Scope 1 e Scope 2 legate a consumi elettrici, di gas e delle altre fonti energetiche del 46,2% entro il 2030 (rispetto al 2019) per tutti gli edifici su cui ha un controllo diretto.

L’ingresso nella Nzao è recentissimo: si tratta di un’alleanza tra gli investitori istituzionali mondiali, che si sono impegnati affinché ciascuno agisca per accelerare la transizione verso un’economia globale a zero emissioni nette.

Tra i gruppi assicurativi presenti in classifica c’è  anche la svizzera Helvetia.«L’impegno nel sociale e sui temi ambientali è sempre stato uno dei pilastri del nostro modello di business – spiega Roberto Lecciso, chief executive officer del gruppo Helvetia Italia –. Questo impegno è stato fortemente ribadito nel piano 2020-2025, dove la sostenibilità è stata individuata come una delle priorità strategiche. L’obiettivo è creare valore per la società e per i nostri clienti in modo consapevole, etico e professionale».

Anche il piano strategico quadriennale “2024 Sustain & Innovate Plus” di Poste (presente in classifica e operativa con Poste Vita) prevede investimenti per 3,1 miliardi, e una nuova modalità per misurare i risultati di business in cui viene sempre rappresentata la correlazione tra performance e capitali non solo finanziari.

In classifica anche Vittoria assicurazioni. «La lotta al cambiamento climatico viene supportata dalle varie iniziative ideate e adottate dalla compagnia che prevedono la centralità della persona e della community. Altro aspetto fondamentale che caratterizza il nostro approccio è sicuramente l'innovaziona alla riduzione dell'incidenza dei consumi energetici e cartacei– spiega Matteo Campaner, direttore generale di Vittoria Assicurazioni –. Siamo tuttavia pienamente consapevoli che per ottenere dei risultati concreti sia necessario uno sforzo corale . Da qui un rigoroso processo di investimenti che integra i temi Esg per verificare il rischio di sostenibilità associato ad ogni partner, che deve presentare anche un’attenzione particolare e un impegno effettivo verso l’ambiente. A tutto ciò si aggiungono le costanti attività volte alla divulgazione della cultura della sostenibilità per tutta la nostra Community».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti