ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùvalute

La sterlina ha perso oltre il 4% in un mese, ai minimi post-Brexit

Sterlina britannica sotto pressione anche questa mattina sui mercati valutari. Nel cambio con il dollaro americano il pound ha toccato un minimo a 1,2121. Numeri che non si vedevano da gennaio 2017

di Andrea Franceschi

Assist Trump a Johnson: ora grande intesa commerciale

Sterlina britannica sotto pressione anche questa mattina sui mercati valutari. Nel cambio con il dollaro americano il pound ha toccato un minimo a 1,2121. Numeri che non si vedevano da gennaio 2017


2' di lettura

Sterlina britannica sotto pressione anche questa mattina sui mercati valutari. Nel cambio con il dollaro americano il pound ha toccato un minimo a 1,2121. Numeri che non si vedevano da gennaio 2017 quando la sterlina toccò i minimi post referendum sulla Brexit a quota 1,2047 dollari. Il pound continua a soffrire nonostante sia reduce da una seduta, quella di lunedì, ad altissima volatilità nel corso della quale si è svalutato di oltre l’1,2% sul dollaro. Nell’ultima settimana la valuta britannica è arrivata a perdere oltre il 2,5% mentre il saldo dell’ultimo mese è negativo per oltre il 4,2 per cento. Numeri decisamente anomali per il mercato valutario.

LEGGI ANCHE / Brexit, cosa possiamo aspettarci dal governo di Boris Johnson

Ad innescare la pressione ribassista sul pound sono soprattutto i timori legati alla Brexit dopo l’incarico di primo ministro affidato a Boris Johnson che, nel suo primo discorso da premier, ha dichiarato di essere pronto a mettere in atto la Brexit senza se e senza ma entro la scadenza fissata del 31 ottobre 2019. Parole che di fatto lasciano aperta la porta anche all’ipotesi più estrema di una Brexit senza accordo (no deal).

LEGGI ANCHE / Linea dura di Johnson e Hunt, il rischio hard Brexit affossa la sterlina

La prospettiva, che ha offerto ottimi pretesti agli investitori che volevano scommettere contro il pound, è stata di recente ulteriormente rinsaldata dalle dichiarazioni del neo inquilino di Downing Street che lunedì ha fatto sapere di non volersi sedere al tavolo delle trattative con le controparti europee se queste ultime non saranno disposte a cedere su alcuni punti chiave. Una sorta di ultimatum che non lascia ben sperare sull’esito della partita.

Le vendite sulla sterlina si sono accompagnate a forti acquisti sui titoli di Stato britannici i cui rendimenti sulla scadenza decennale sono scesi a quota 0,63% riportandosi sui minimi da agosto 2016 (l’estate calda del referendum sull’uscita dall’Unione). Sul mercato azionario non si è vista tutta questa negatività: la Borsa di Londra anche ha compensato il tonfo della sterlina con un rialzo del 2% nelle ultime sedute. Intanto gli investitori attendono indicazioni dalla Banca centrale britannica che giovedì terrà il suo consueto direttivo.

LEGGI ANCHE / Brexit, vademecum economico per il premier: basta incertezze

Le aspettative sono per un mantenimento dello status quo sui tassi anche se il mercato sta iniziando a scontare un taglio dei tassi entro la fine dell’anno per contrastare l’incertezza legata alla Brexit (ipotesi probabile al 60% secondo gli attuali valori di mercato). C’è da dire peraltro che il tonfo della sterlina legato alla Brexit (-25% rispetto a 5 anni fa) alimenta pressioni inflazionistiche e ciò, in linea di principio, dovrebbe scoraggiare la Bank of England dal mettere in atto misure espansive. Eppure i giochi restano aperti e le ipotesi in campo le più disparate.

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Andrea Franceschiredattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: Italiano, inglese

    Argomenti: Mercati, finanza, bond, azioni. obbligazioni, titoli di stato, banche, borsa, politica monetaria, Bce, Fed, tassi

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti