ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùRISCHIO IMPEACHMENT

La talpa accusa Trump: «Cercò di bloccare l’intercettazione con Zelensky»

La talpa sostiene che il governo Usa abbia cercato di nascondere informazioni legate alla conversazione in cui Trump ha chiesto al leader ucraino il “favore” di indagare su Joe Biden

di Riccardo Barlaam


default onloading pic
Il direttore ad interim dell’intelligence Usa Joseph Maguire durante una testimonianza al Congresso (Reuters)

3' di lettura

DAL NOSTRO CORRISPONDENTE
NEW YORK - La macchina è partita. La procedura per la messa in stato di accusa del presidente Donald Trump per il “Kievgate” muove i primi importanti passi.

Joseph Maguire, direttore ad interim del National Intelligence, l'agenzia federale che sovrintende a tutti i servizi segreti Usa, è chiamato a testimoniare davanti alla Commissione intelligence del Congresso per raccontare l'origine dell'esplosiva denuncia presentata dal whistle-blower, l'agente “gola profonda” che con le sue rivelazioni ha portato alla luce la vicenda della telefonata di Trump al presidente ucraino Voldymyr Zelensky per indagare sulla società dove lavora il figlio di Joe Biden, che ha portato all'avvio della procedura di impeachment da parte dei democratici.

LEGGI ANCHE / Impeachment, l’impatto sulle Borse

La commissione Intelligence della Camera ha pubblicato nove pagine della denuncia, con le parti nascoste che rendono conto delle preoccupazioni sollevate dalla talpa dei servizi sulla telefonata del 25 luglio scorso tra il presidente Usa e quello ucraino. Dal documento emerge il timore che il leader Usa stesse «usando il suo potere per sollecitare interferenze da un paese straniero nelle elezioni americane del 2020» con una violazione delle leggi elettorali americane e un uso della cosa pubblica per motivi personali.

LEGGI ANCHE / La telefonata che inguaia Trump

La talpa sostiene che il governo Usa abbia cercato di nascondere informazioni legate alla conversazione in cui Trump ha chiesto al leader ucraino il “favore” di indagare su Joe Biden, candidato democratico alle presidenziali del 2020, e su suo figlio per le loro attività nella nazione. Nella denuncia l'agente whistle-blower sostiene di non essere stato direttamente testimone degli eventi descritti ma che ha ricevuto le informazioni da vari funzionari nell'ambiente dell'intelligence Usa e del governo in cui veniva sostenuto che il presidente degli Stati Uniti usava i poteri del suo ufficio per sollecitare interferenze di un paese nelle elezioni presidenziali del 2020. Il 18 luglio, in particolare, pochi giorni prima della telefonata un funzionario dell’Ufficio del Budget aveva informato le agenzie governative di un ordine arrivato direttamente da Trump di sospendere tutti i fondi di assistenza all’Ucraina: i 400 milioni di dollari di aiuti militari destinati a Kiev già approvati dal Congresso.

LEGGI ANCHE / Come si è arrivati all’inchiesta e cosa può succedere

Maguire è chiamato soprattutto a spiegare perché la denuncia della talpa, in cui furono svelati i contenuti della telefonata di Trump al leader ucraino, non ebbe seguito in un primo momento. Il direttore dell'agenzia di intelligence si è giustificato dicendo che non aveva l'autorità per rendere noto il reclamo. La denuncia del whistle-blower è finita al Dipartimento di giustizia. La scorsa settimana l'ispettore generale del ministero ha concluso che la condotta di Trump nella telefonata non ha profili di natura penale. Ma i democratici hanno avviato la procedura di impeachment.

Il capo degli 007 Usa ha detto di non conoscere l'identità della talpa. I deputati hanno chiesto a Maguire di consentire la testimonianza dell'agente che ha preparato la denuncia. Il capo degli 007 ha detto che è disposto a far testimoniare la talpa al Congresso, tenendo conto delle preoccupazioni sulla sua incolumità: oggi l’agente vive sotto protezione per “serie preoccupazioni” sulla sua sicurezza. Maguire ha detto che «la talpa ha agito in buona fede, senza alcuna motivazione politica e ha che fatto la cosa giusta».

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Riccardo Barlaamcorrispondente da New York

    Luogo: New York, USA

    Lingue parlate: inglese, francese

    Argomenti: economia, finanza e politica internazionale

    Premi: Premio Baldoni (2008), Harambee (2013), Overtime Film Festival (2017)

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...