MORPHEUS ADVISOR

La trading company dei marchi della moda

All’abbigliamento si affiancano ora cosmetica e occhiali

di Silvia Pieraccini

All’abbigliamento si affiancano ora cosmetica e occhiali


2' di lettura

La figura del buyer nella moda c’è sempre stata, così come le trading company che acquistano e rivendono capi di abbigliamento. Alessandra Perani e Stefano Brasini, compagni che vivono nella campagna toscana, a Torrita di Siena, avevano in testa questi modelli quando nel 2013 decisero di avviare un’attività nella moda e di proporsi come consulenti sul buying per aziende straniere – soprattutto piattaforme di ecommerce, che all'epoca era viste come mosche bianche - interessate a comprare abiti, borse e scarpe in Italia. Da allora il business è cresciuto e, soprattutto, si è affinato.

Oggi Morpheus Advisor, la società posseduta al 50% da Alessandra e Stefano che opera sul mercato col marchio Ap Italian Luxury, acquista in Italia capi delle passate collezioni di marchi del lusso che hanno respiro internazionale, da Gucci a Prada, da Ferragamo a Yves Saint Laurent a Balenciaga, e li rivende a catene di outlet e negozi online stranieri, soprattutto americani. Con una declinazione particolare.

Loading...

«Abbiamo costruito un metodo di lavoro tutto nostro, offrendo alcuni servizi che normalmente i buyer non fanno e non fanno neppure le trading company – spiega Stefano Brandani, presidente e cfo -. Non ci limitiamo a selezionare la merce per conto del cliente ma facciamo anche la contrattazione, la negoziazione e il controllo qualità, vagliando pezzo per pezzo tutti i capi, dividendo la merce nel caso in cui il cliente abbia più negozi da rifornire, reperendo un packaging particolare se lo richiede». È un servizio “su misura”, spiega, un lavoro sartoriale modellato sulle esigenze della clientela. Dal 2016 Ap Italian Luxury ha allargato il business e, accanto ad abbigliamento, borse e scarpe, ha inserito cosmetica e occhiali. I fornitori sono sia direttamente i brand che i distributori, le catene retail o altri “stockisti”; i prodotti di fascia alta sono il cuore dell’attività, anche se non sono gli unici trattati; i clienti – più di 200 nel mondo - sono di tutte le dimensioni, americani ma anche asiatici e europei.

Negli ultimi tre anni Morpheus (che ha la sede legale a Montecatini Terme, Pistoia) ha moltiplicato per 13 il fatturato, passando dai 176mila euro del 2016 a quasi 2,4 milioni del 2019. Quest’anno segnerà un’ulteriore crescita «nonostante mezzo mondo sia chiuso», spiega Stefano. La crisi causata dall’emergenza sanitaria è stata tamponata frazionando gli ordini e trovando sbocchi commerciali in nuovi mercati come il Sudamerica: «In pratica quello che è calato da una parte lo abbiamo spostato in un’altra e rimpiazzato con clienti più piccoli che ordinano meno». Gli occhiali e il beauty hanno aiutato, reggendo meglio del fashion. Partiti da soli, oggi Alessandra e Stefano hanno sei dipendenti che presto diventeranno otto. «Ora vogliamo espanderci anche sulla cosmetica farmaceutica», annunciano.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti