i casi risolti

La Uni 10200 e gli obblighi


1' di lettura

Abito in un condominio con caldaia centralizzata e ripartitori di calore installati sui singoli corpi scaldanti. L'anno scorso è stata redatta la tabella riscaldamento seguendo le indicazioni della norma Uni 10200, che però qualche mese dopo è stata revisionata. È necessario elaborare una nuove tabella o la “vecchia” va ancora bene?

Nel condominio in questione la contabilizzazione del calore avviene in forma indiretta e, di conseguenza, è necessario aggiornare i criteri di riparto. La nuova versione della norma Uni 10200 stabilisce che in caso di ripartizione indiretta occorre calcolare annualmente il fattore d'uso, ossia il rapporto tra l'energia termica effettivamente erogata dalla caldaia verso l'impianto e l'energia che l'impianto avrebbe idealmente erogato se i condòmini avessero usufruito del riscaldamento tutti e sempre.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...