La giornata dei mercati

Settimana di cali per le Borse europee, Milano cede l'1%, si salva solo Amsterdam

La diffusione della variante Delta alimenta i timori sulla forza della ripresa. Sullo sfondo rimangono i dubbi sulle mosse delle banche centrali

di Stefania Arcudi ed Eleonora Micheli

La Borsa, gli indici del 16 luglio 2021

6' di lettura

Settimana di debolezza per le Borse europee, fatta eccezione per Amsterdam salita dello 0,6%. Così la piazza olandese non solo continua a vantare la migliore performance d'Europa da inizio anno (+17,9%), ma è in netto distacco da Parigi (-1% di calo settimanale e +16,37% nel 2021), Francoforte (-0,94% e +13,28%) e Milano (-1% e +11,5%). Madrid ha accusato la performance peggiore, con un ribasso settimanale del 3%, che ha assottigliato i guadagni dell’intero 2021 solamente al 5,3%.
L’ottava è stata negativa anche per Londra, che ha lasciato sul parterre l’1,6%, portando il rialzo da inizio anno al +8,48%. Del resto i numeri sui contagi hanno di nuovo destato preoccupazione, facendo temere nuove restrizioni in arrivo e quindi previsioni meno rosee delle attese per l’economia.

Per altro sul finire della settimana la Banca centrale del Giappone ha rivisto il tiro sulle prospettive del rimbalzo, in modo da tenere conto della recrudescenza della pandemia. Sullo sfondo rimangono anche i dubbi sulle mosse delle banche centrali, nonostante nei giorni scorsi siano scesi in campo sia il numero uno, Jerome Powell, sia la segretaria al Tesoro statunitense, Janet Yellen, per rassicurare che l'inflazione salirà, ma probabilmente solamente in via transitoria.

Loading...

Tradotto le politiche monetarie dovrebbero rimanere ultra-espansive. Lo scorso giugno, però, l’indice dei prezzi al consumo americano è aumentato del 5,4% rispetto a un anno prima. Si tratta del rialzo più consistente in quasi 13 anni. In Europa la prospettiva che la variante delta possa comportare l'introduzione di nuove restrizioni ha pesato più che altro sui titoli del settore petrolifero e su quello legato ai viaggi: i rispettivi sottoindici hanno lasciato sul parterre oltre il 4%.

Sul settore petrolifero, comunque, hanno pesato anche le indiscrezioni che sia prossimo un accordo tra i Paesi Opec Plus per innalzare i livelli produttivi, sia gli annunci della presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, sull’ambizioso piano di transizione energetica. Anche il greggio, pur rimanendo su livelli elevati. ha lasciato sul parterre oltre il 3%. Il piano annunciato dalla Commissione Ue per combattere le emissioni nocive ha incoraggiato le vendite anche sul comparto auto (-2,49%). Per contro sono andati meglio i titoli più difensivi del Food (+0,7%). Hanno fatto bene anche tecnologici (+0,43%) e utility (+0,22%).

A Piazza Affari Amplifon ha azzerato le perdite di venerdì scorso del 6,4% provocate dalla notizia che l’amministrazione Biden favorirà la concorrenza nel settore degli apparecchi acustici. I titoli hanno recuperato in cinque sedute il 6,57%, festeggiando anche l’acquisizione in Australia di Bay Audio. Da inizio anno Amplifon vanta un progresso del 19,18%. Hanno inoltre fatto bene leTerna (+2,8% e +5,6% da inizio anno), ancora sulla spinta del ricco piano di investimenti presentato per l’arco dei prossimi dieci anni, oltre che per un ritorno di interesse verso il settore delle utility. Infine si sono distinte le Inwit(+2,16%, -0,18%). Per contro Banca Pop Er ha accusato la performance peggiore del Ftse Mib arretrando del 7,28% (+10,13% da inizio anno). Hanno inoltre fatto male le Leonardo (-6,6% e +7%) e le Tenaris (-5,29%, +28,71%).

Quanto alla seduta di venerdì 16 luglio, i timori provocati dai numeri sui contagi hanno di nuovo tenuto sotto scacco le Borse europee, che così hanno chiuso in calo, scoraggiate anche da Wall Street, in negativo dopo una buona partenza e che poi chiude in calo: Dow Jones a -0,86%, Nasdaq a -0,80% e S&P 500 a -0,76% . Ha cercato di riscattarsi dalle vendite dei giorni precedenti il comparto viaggi, beneficiando anche dell'apertura del presidente americano Joe Biden a una imminente revoca delle restrizioni sui voli aerei dall'Europa verso gli Stati Uniti. Dopo più cambi di direzione, il FTSE MIB di Piazza Affari ha perso lo 0,33%, con lo spread tra BTp e Bund in area 104 punti.

Luglio di cautela tra variante Delta e scommesse su ripresa

Gli investitori in queste settimane di luglio sposano un atteggiamento cauto visto che mentre indici e titoli trattano su livelli elevati, serpeggia il dubbio che possano arrivare brutte notizie. Del resto la variante Delta sta spingendo la diffusione dei contagi da Covid-19 e alcuni Paesi stanno di nuovo adottando regole più restrittive. Ad esempio Barcellona e alcuni comuni spagnoli hanno annunciato che da domani verrà di nuovo reintrodotto il coprifuoco. Intanto dall’Oriente è arrivata la prima doccia fredda, causata dalla recrudescenza della pandemia: la Banca centrale del Giappone ha rivisto al ribasso le stime per la crescita del Pil del Paese rispetto alle previsioni di aprile, prevedendo per l'anno fiscale 2021-22 un rimbalzo del 3,8% e non più del 4%, dopo che l'anno scorso (anno fiscale 2020-21) il Pil aveva registrato una caduta del 4,6%. «Le indicazioni della Boj dimostrano che basta poco perché il corso dell’economia cambi. Il Giappone avrebbe potuto beneficiare anche del turismo legato alle Olimpiadi e invece, a causa della diffusione dei contagi, in poco tempo lo scenario è cambiato», ha commentato un analista. Negli States, ad ogni modo, i conti aziendali testimoniano un’economia florida. In più le vendite al dettaglio di giugno sono andate meglio delle attese, aumentando del 18% rispetto all’anno scorso. Tali dati, tuttavia, non sono riusciti a sostenere gli indici, che dopo un avvio positivo hanno subito la pressione delle vendite. «La partita si giocherà a settembre o in autunno, quando sarà più chiaro il quadro della pandemia e dell’economia. Fino a quella data gli indici, probabilmente, registreranno un andamento contrastato e volatile in parte spinti dalle scommesse sulla ripresa, in parte penalizzati dai timori che il rimbalzo dell’economia possa essere frenato da una nuova ondata di contagi», ha commentato un trader. Come se non bastasse sale anche la preoccupazione per i danni causati in Germania e Belgio dal maltempo. Sullo sfondo, poi, rimane l’interrogativo sulle mosse delle banche centrali, nel caso in cui l’inflazione dovesse andare alle stelle. Comunque negli States dopo le rassicurazioni di Jerome Powell, sulla politica monetaria che rimarrà accomodante, sono arrivate anche le indicazioni della segretaria al Tesoro statunitense, Janet Yellen, secondo la quale anche se «avremo molti altri mesi di rapida inflazione», questa poi tornerà a livelli normali. Lo scorso giugno, intanto, l’indice dei prezzi al consumo è aumentato del 5,4% rispetto a un anno prima. Si tratta del rialzo più consistente in quasi 13 anni.

Eurozona, inflazione rallenta a giugno: 1,9%

La crescita dei prezzi al consumo rallenta nell'Eurozona. A giugno, comunica Eurostat, il tasso annuo di inflazione è risultato dell'1,9% nell'eurozona, in calo rispetto al 2% tendenziale registrato in maggio. L'anno scorso il tasso di inflazione era risultato pari allo 0,3 per cento. Considerando tutta l'Unione Europea si registra un tasso di inflazione del 2,2% a giugno (2,3% in maggio). Nella Ue il tasso annuo più basso si è registrato in Portogallo (-0.6%) mentre il più alto in Ungheria (+5,3%) e in Polonia (+4,1%). Rispetto a maggio l'inflazione tendenziale ha rallentato in dodici Stati membri, e' rimasta stabile in quattro ed e' cresciuta in undici Stati. Il più forte contributo all'inflazione tendenziale e' arrivato dai prezzi energetici (+1.16 punti percentuali), seguiti dai prezzi dei beni industriali non energetici (+0,31 punti percentuali).


Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

A Milano brilla Ferrari, per Recordati ricambio al vertice

A Piazza Affari venerdì sono andate bene le utility, Ferrari e Pirelli. Positiva anche Telecom Italia, rimbalzata dopo il -13% dell'ultimo mese. Hanno perso ancora quota i titoli delle banche (Banca Pop Er è stata la peggiore). Sono inoltre state vendute le azioni del comparto petrolifero, con Tenaris- in coda al Ftse Mib. Sotto i riflettori Recordati nel giorno dell'annuncio di cambi al vertice: dal primo dicembre 2021 il presidente Alfredo Altavilla lascia l'incarico (e' stato nominato presidente esecutivo della compagnia aerea Ita), il suo posto sarà preso dall'attuale ceo Andrea Recordati che a sua volta sarà sostituito dal nuovo amministratore delegato Rob Koremans. Dopo una buona partenza grazie ai dati di vendita di Richemont e Burberry, Moncler ha fatto dietrofront. Fuori dal segmento principale, Cerved Information Solutions sfiora i 10 euro dopo che il cda ha giudicato 'non congruo' il prezzo dell'Opa di Ion pari a 9,50 euro per azione.

Euro resta sopra 1,18 dollari, petrolio volatile

Sul fronte dei cambi, la moneta unica passa di mano a 1,1807 dollari (1,1814 ieri sera) e 130 yen (129,97), mentre il dollaro vale 110,15 yen (110,01). Infine, è volatile il greggio: il wti, contratto di agosto, in netto ribasso fino a poco fa, sale dello 0,5% attestandosi a 72 dollari al barile.

(Il Sole 24 Ore Radiocor)

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti