LE NUOVE SFIDE DELLA CERAMICA

La vecchia Europa salva il bilancio delle esportazioni

Vendite in flessione dello 0,4% nel primo semestre: Oriente e Americhe in forte calo, bene la Ue trainata dalla Francia. Tiene la Germania

di Chiara Bussi


default onloading pic
La collezione Sardinia di Cerasarda, gruppo Romani

3' di lettura

Cara vecchia Europa. È qui, nei Paesi più vicini a noi, che si realizza circa il 60% delle vendite oltreconfine di prodotti in ceramica. Ed è anche qui che nel primo semestre di quest’anno si è registrato l’unico segno positivo delle esportazioni del settore: una crescita del 2,8% a quota 1,369 miliardi di euro che ha fatto da contraltare alla performance meno brillante in altre aree. Se in Italia emergono i primi timidi segnali positivi (+0,1%), il risultato è una leggera flessione dello 0,4% a livello mondiale a quota 2,4 miliardi di euro rispetto allo stesso periodo del 2018, pari all’85% delle vendite totali. «L’export - sottolinea Stefano Bolognesi, presidente della Commissione per le statistiche di Confindustria Ceramica - oltre che un valore è una necessità. Il mercato europeo, seppur maturo e contendibile, continua ad essere centrale per il nostro settore e lo sarà anche nei prossimi anni. In particolare è andata molto bene la Francia, con un incremento dei volumi del 5,8% e del 4,5% del fatturato». E se si somma l’andamento dell’Europa occidentale con quello dei Paesi dell’Est (che da soli registrano -3,5% in valore) il segno è ancora positivo: +2,3% dei ricavi e +2,5% in volumi venduti.

La frenata della locomotiva tedesca per ora non ha fatto sentire i suoi effetti. «In questo Paese - spiega Bolognesi - il settore non ha raggiunto i livelli della Francia, ma le nostre aziende hanno registrato un aumento dei volumi del 2,2% e dell’1,5% dei ricavi». Lo confermano gli imprenditori che ogni giorno operano in quel mercato. Come Vittorio Borelli, ad di Fincibec che realizza all’estero circa il 70% del fatturato. «L’andamento dell’economia tedesca ci preoccupa – dice - ma per ora questa situazione non è visibile dai numeri. Anzi, proprio in Germania, la nostra seconda area di sbocco dopo la Francia, a giugno abbiamo messo a segno un aumento delle esportazioni del 2%. Va detto però che il nostro settore arriva per ultimo nella catena delle costruzioni e questi rischi potrebbero materializzarsi in seguito». Fincibec ha tenuto anche Oltralpe, «dove realizziamo il 15% dei nostri ricavi esteri, così come in Svizzera, Austria, Olanda e Scandinavia». E al momento le turbolenze legate alla possibile uscita del Regno Unito dalla Ue non hanno rallentato l’attività dell’azienda di Sassuolo. «Nel biennio 2017-2018 – spiega Borelli – abbiamo aumentato la nostra quota di mercato sull’outdoor per l’arredo urbano. Certo, i timori per la Brexit ci sono, ma il Paese non ha una produzione locale e deve importare. È dunque probabile che abbia ancora bisogno dei prodotti italiani anche se dovesse consumarsi il divorzio dalla Ue».

I mercati extraeuropei, fa notare Bolognesi, «sono stati invece contrassegnati dalla volatilità in un contesto di esubero dell’offerta rispetto alla domanda che ha provocato forti tensioni sui volumi di vendita e sui prezzi». La difficoltà è tangibile in Asia e Oceania, dove si assiste alla frenata più significativa (-5,3% in valore), «anche per effetto delle incertezze legate ai dazi e agli investimenti». Rallenta l’attività con gli Usa e l’America Latina (si veda l’articolo in basso), mentre l’Africa mostra una contrazione delle vendite del 4,4% (in valore).

Tra i venti di protezionismo e l’economia mondiale che non sta attraversando uno dei suoi momenti migliori l’incertezza è alta, fa notare Alessandra Lanza, senior partner di Prometeia. «Sono entrate in gioco due componenti: una congiunturale legata alle fasi cicliche dell’economia – dice - e una più strutturale che fa più paura. Quello che sta avvenendo è il risultato della fine del multilateralismo che ha comportato lo schieramento di blocchi contrapposti: Usa, Cina, Russia. E un’Unione europea che non sa ancora quale partita giocare». Gli effetti sono diretti sugli scambi commerciali ,che quest’anno la società di consulenza stima in crescita di appena il 3,5% rispetto 4,3% del 2018 e al 5% del 2017. Se poi si aggiungono il rallentamento dell’economia mondiale e il calo della fiducia e dei consumi il quadro complessivo non è molto incoraggiante.

Le difficoltà non mancheranno e in un mercato sempre più agguerrito a fare la differenza sarà ancora una volta la capacità di innovare. Il futuro delle esportazioni passa infatti non solo per vecchi e nuovi mercati, ma anche per nuove tipologie di prodotto. «Come l’outdoor – spiega Borelli - una nicchia in crescita che abbiamo iniziato a sviluppare proprio in Germania circa 5 anni fa e che oggi vale tra il 10 e il 15% del nostro fatturato globale. Le altre tendenze che stanno prendendo piede sono la produzione di grandi formati per rivestimenti di facciate di edifici o per la pavimentazione, così come il segmento dell’arredo». Per battere la concorrenza chi si ferma è perduto.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...