Le sfilate di Milao /2

La via Dolce&Gabbana alla sostenibilità: pellicce sintetiche, ma artigianali

di Giulia Crivelli

2' di lettura

Le parole sono importanti, anche per una società che vive di immagini. Le definizioni e i proclami no. Domenico Dolce e Stefano Gabbana – è forse la prima volta – hanno preferito non dare un “titolo” alla collezione andata in passerella ieri. E non hanno fatto annunci ufficiali sulla scelta di non usare più pelliccia. «La pandemia non è ancora finita, i cambiamenti sociali e culturali che ha innescato però sono già in atto – spiegano –. Seguiamo da sempre il nostro istinto e teniamo alla nostra indipendenza, ma ogni collezione nasce dall’osservazione ed elaborazione, anche inconscia, di ciò che accade intorno a noi, nel mondo reale e sempre di più in quello digitale, ed è stato così anche questa volta».

Per i due stilisti e imprenditori la sostenibilità non può essere divisa tra ambientale, sociale ed economica: «È un percorso di cambiamento che richiede idee, investimenti e tempo – sottolineano –. Sono due anni che puntiamo a non usare più pellicce e avevamo già introdotto quelle sintetiche. Ci sono però due problemi: primo, i materiali non sono ecosostenibili, bensì inquinanti. Secondo, la qualità non ci ha mai soddisfatto. Ora abbiamo trovato una terza via, molto Dolce&Gabbana». Grazie alla ricerca che i due stilisti portano avanti da sempre con i fornitori e anche con laboratori e università, i materiali sono oggi più ecosostenibili e il sogno sarebbe arrivare a usarne di biodegradabili. Ma soprattutto i capi sono lavorati dai migliori pellicciai: «L’artigianalità è la nostra stella polare, nell’alta moda, ovviamente, e sempre di più nel pret-à-porter – spiegano Domenico Dolce e Stefano Gabbana –. Sappiamo tutti che la transizione verso un’economia verde ha dei costi: nel nostro piccolo, abbiamo pensato a preservare il lavoro dei pellicciai, messo a rischio dalle nuove sensibilità, ad esempio, sugli allevamenti di animali».

Loading...

C’è un’altra stella polare, da decenni, per i due creativi, i giovani: «I cambiamenti sono sempre venuti da loro, nella moda e non solo. Anagraficamente noi due non siamo più giovani – concludono ridendo – ma è da loro che traiamo energia ed è a loro che pensiamo quando creiamo. Le ragazze e i ragazzi della generazione Z in particolare ci affascinano perché sono capaci di pensare fuori da ogni schema, di sentirsi ed essere autenticamente liberi. La moda aiuta tutti a esprimersi, vorremmo che la nostra superasse ogni confine tra stili, età, culture».

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti