test drive

La Vw Passat cambia sotto pelle con hi-tech e motori ibridi plug-in

di Massimo Mambretti


default onloading pic

3' di lettura

FRANCOFORTE - Probabilmente guardando le rinnovate Passat berlina e Variant ci si può chiedere in cosa differiscono dalle precedenti, poiché i designer sono andati con mano leggera ritoccando

solo il frontale e la coda. In realtà, l’aggiornamento della famiglia della seconda Volkswagen più venduta della storia è molto incisivo, ma è sottocutaneo e allinea tecnologicamente la Passat ai tempi, facendole anche riportare alla ribalta la versione ibrida plug-in Gte che è stata tra le prime vetture di questo tipo disponibili.

Anche l’abitacolo al primo impatto non risulta stravolto. Infatti, il volante capacitivo che si sintonizza con il sistema di guida assistita di livello 2 attivo sino a 210 all’ora e l’avanzata digitalizzazione portata in dote dal sistema operativo Mib 3.0 (con CarPlay e Android Auto) si scoprono strada facendo. Ora, la Passat ascolta e risponde attingendo anche dal cloud, è sempre connessa grazie a una Sim residente e permette di accedere ai servizi online della piattaforma Volkswagen We.

Nuove Volkswagen Passat, le foto del debutto in strada

Nuove Volkswagen Passat, le foto del debutto in strada

Photogallery5 foto

Visualizza

Ma non è tutto, poiché tramite un menù del sistema dell’infotainment si gestiscono anche alcune importanti funzionalità della Gte. È questo il caso del mantenimento dello stato di carica e della ricarica della batteria da parte del motore. Selezionando tasti virtuali si può scegliere se conservare la carica, aumentarla del 20% alla volta o impostarla su un livello inferiore per ottenere una riserva di elettricità adeguata alle situazioni di marcia che si vogliono affrontare a emissioni zero lungo il percorso. L’upgrading tecnologico coinvolge anche la rete elettrica ed elettronica, nonché la batteria. Quest’ultima è immutata come dimensioni ma è ad alta densità, offre una capacità di 13 kWh e si ricarica dalla rete elettrica in 5 ore e 30 minuti da una presa da 2,3 kW e in 4 ore e 30 minuti da una wallbox da 3,6 kW. A dispetto di quanto potrebbe fare pensare l’immutata struttura del powertain, integrato da un motore Tsi a benzina di 1,4 litri e con una potenza di 218 cv, la Passat Gte fa più strada a emissioni zero (55 chilometri nel realistico ciclo Wltp) rispetto alla precedente.

La prima presa di contatto con la Gte al volante di una Variant sulle colline della valle della Taunus è stata breve e non supportata da dati di consumo ufficiali, poiché sono in fase di omologazione. Al riguardo possiamo solo dire che il computer ha registrato una media di 3,6 litri di benzina per 100 chilometri, a fronte di un irrisorio dispendio di elettricità. Passiamo, quindi al comportamento e alla guidabilità che sono speculari a quelli di qualsiasi altra Passat.

La Variant Gte è affidabile, agile e gradevole da guidare anche perché tiene sempre sottobanco il lavoro, sinergico o solitario, dei motori termico ed elettrico quando è in campo la modalità Hybrid. Con questa configurazione la linearità e la spontaneità dell’erogazione sono sempre all’altezza della situazione. Poi, se si vuole godere di un temperamento incisivo si può ricorrere alla Gte, che spreme al massimo il potenziale di entrambi i motori. Tuttavia, la Gte sorprende soprattutto quando fa l’elettrica sia per la spontaneità con cui il sistema propulsivo reagisce ai comandi sia perché l’autonomia si mantiene a lungo costante anche quando si viaggia speditamente, dimostrando la cura posta nei confronti dell’efficienza.

Quest’ultima è premiata anche dalle Passat “termiche” che sono spinte dai recenti motori turbo a benzina con filtro antiparticolato di 1,5 litri da 150 cv (con disattivazione di due cilindri in alcune situazioni di funzionamento) e a gasolio di 1,6 e 2 litri, con potenze che oscillano dai 120 cv dell’unità di minore cilindrata ai 240 cv della variante biturbodiesel del 2 litri, dedicata alla Alltrack. Gli altri allestimenti sono il Business e l’Executive e, per ora, il listino parte dai 36mila euro della 1.6 Tdi Business e e arriva a sfiorare i 50mila euro dell’Alltrack più potente, includendo nella maggiore parte dei casi anche il cambio a doppia frizione Dsg.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...