ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLusso

Lagardere corre in Borsa a Parigi, semestre in rosso ma migliore del previsto

Perdite in forte riduzione nei sei mesi, fatturato in crescita. Ottimismo per la seconda parte dell'anno

di Giuliana Licini

Arnaud Lagardere (Afp)

3' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Lagardere brilla alla Borsa di Parigi, dopo lo scossone della vigilia, grazie ai conti semestrali migliori del previsto.Il gruppo dell’editoria e del ‘travel retail’ è arrivato a guadagnare oltre il 6,5%, mentre l’indice CAC 40 è in rosso. Le azioni hanno chiuso la seduta di lunedì 26 luglio in calo dell’1,9%, in reazione alle indiscrezioni riportate da ‘Le Monde’ di un’indagine avviata in aprile dalla Procura Finanziaria Nazionale. Lagardere nel primo semestre ha registrato una perdita netta di 171 milioni di euro, in netto miglioramento rispetto al rosso di 443 milioni della prima metà del 2020, la più colpita dalla crisi del Covid-19. Il fatturato è in aumento del 5% a dati comparabili (-0,6% su base storica) a 2,076 miliardi di euro e il risultato operativo è positivo per 3 milioni di euro, contro il rosso di 218 milioni nello stesso periodo dello scorso anno.

Glianalisti di Kepler Cheuvreux sottolineano che i ricavi sono del 5% superiori al consensus e l’andamento operativo è decisamente migliore delle attese, visto che le attese puntavano a una perdita di 143 milioni. «Globalmente una serie di risultati solidi e un recupero decisamente più rapido del previsto dei margini e dei mezzi propri in un contesto di riduzione dei costi più rigido», indicano gli esperti. Gli analisti di Citi osservano che nelle attività editoriali il gruppo «ha realizzato una performance straordinariamente elevata di riflesso alle misure di lockdown, ma anche con il ritorno alla normalità, nel secondo semestre i risultati dell’esercizio potrebbero e dovrebbero raggiungere senza difficolta il consensus o superarlo».

Loading...

Il fatturato nell’editoria (Hachette) è stato di 1,13 miliardi, ampiamente superiore alle attese e in crescita del 16%, con un risultato operativo di 110 milioni «ai massimi da 10 anni», come ha sottolineato il gruppo. L’attività nella distribuzione specializzata negli aeroporti e nelle stazioni (travel retail) ha registrato ricavi per 831 milioni, in calo del 12%, ma l'andamento ha superato le attese e ha segnato un forte recupero nel secondo trimestre. L'ebit ricorrente del comparto è negativo per 96 milioni contro -209 milioni nella prima metà dello scorso anno e sia America del Nord (+14,9%) sia l’Asia-Pacifico (+24,8%) grazie alla Cina (+90%), sono in crescita grazie alla ripresa dei voli interni. Le altre attività (Paris Match, Journal du Dimanche, Europe 1, Virgin Radio, Rfm e la licenza del marchio Elle, più l’intrattenimento) hanno segnato un fatturato di 115 milioni (+2,5%) con un Ebit negativo per 11 milioni, in miglioramento da -35 milioni. Il gruppo ha anche precisato di avere liquidità sufficiente a coprire i bisogni di finanziamento per i prossimi 12 mesi.

«Questi risultati non sono un’eccezione e ci aspettiamo ugualmente un ottimo secondo semestre», ha commentato Arnaud Lagardère, diventato presidente e ceo dopo la trasformazione della Lagardere a fine giugno, in società per azioni da società in accomandita, con uno statuto che gli conferiva poteri quasi assoluti. Secondo ‘Le Monde’, come è emerso nel fine settimana, il gruppo da aprile è oggetto di un’inchiesta della procura francese specializzata in reati finanziari per sospetti di «acquisto di voti, abuso di beni sociali, conti inesatti e informazioni false o ingannevoli» nella vicenda che lo ha visto opporsi al fondo attivista Amber Capital, che aveva presentato un esposto alla magistratura a febbraio. Alla fine di aprile, per altro, Lagardere ha raggiunto un accordo con i principali azionisti, cioè Vivendi, Amber e Bernard Arnault per il cambiamento della governance della società, che include l'entrata nel cda dei soci. Con Amber l’intesa includeva anche l’abbandono dei contenziosi legali. Lagardere sabato ha “fortemente contestato” di avere commesso irregolarità o infrazioni.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti