ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùMOBILITà ALTERNATIVA

Landi Renzo «ripulirà» il parco veicoli dell’Egitto

Accordo con il Governo del paese africano per varare una jv paritetica finalizzata alla produzione e vendita di componenti e sistemi per la conversione a metano dei mezzi - L’obiettivo è rendere green almeno 100mila auto all’anno

di Matteo Meneghello

2' di lettura

Un accordo con il Governo egiziano per «svecchiare» il parco veicoli del paese africano con l’obiettivo di convertire almeno 100mila mezzi all’anno, dando un contributo cruciale all’obiettivo di 500mila conversioni nei prossimi 5 anni fissato dai vertici statali. Landi Renzo annuncia di avere siglato una lettera di intenti con la National organization for military production (Nomp), controllata dal ministero della Produzione Militare, per la creazione di una newco paritetica al 50% volta alla produzione e vendita in Egitto di componenti e sistemi per la conversione a metano del parco circolante egiziano, con l’obiettivo di effettuare almeno 100.000 conversioni all'anno, oltre a sviluppare nuovi programmi delayed Oem (Km0) e al lancio di iniziative dedicate per il segmento Heavy duty,tra cui lo studio di un motore monofuel. Questa nuova intesa, che arriva in scia ai precedenti accordi stretti dal Gruppo con Egas (Egyptian natural gas holding company), Gastec (Egyptian international gas technology) e Car Gas (Egyptian natural gas vehicles company) dovrebbe rafforzare ulteriormente la già significativa presenza diLandi Renzo sul mercato egiziano, e «renderà Landi Renzo - si legge in una nota - leader delle conversioni a metano» in questo Paese.

Il Governo egiziano, spiega l’azienda, ha lanciato un ambizioso piano di trasformazione della mobilità a gas naturale, con investimenti significativi sulla rete infrastrutturale del Paese e l’obiettivo ditrasformare a metano gran parte del parco circolante, sia lato passenger car, che trasporto pubblico locale e trasporto pesante. L’accordo prevede la fornitura da parte di Landi Renzo sia della tecnologia alla base della conversione a metano, che dei componenti «on-engine» strategici per la conversione di veicoli,bus e camion che verranno prodotti in Italia, mentre altri componenti saranno realizzati direttamente in loco. L'accordo prevede anche di promuovere la consolidata tecnologia di Landi Renzo per le conversioni Diesel Dual Fuel (DDF), ovvero di veicoli diesel in diesel-metano, la conversione a metano di macchine a Km0 delle principali case automobilistiche e lo studio disoluzioni dedicate Monofuel per il segmento Bus ed Heavy duty.

Loading...

«L’Egitto rappresenta uno dei principali mercati al mondo nella mobilità a gas, con un piano molto ambizioso e concreto, che prevede ameno 500mila conversioni nei prossimi anni - spiega Cristiano Musi, ceo del gruppo Landi Renzo -. Siamo orgogliosi di poter proseguire nel dare il nostro contributo allo sviluppo della mobilità green in Egitto, che consentirà di ampliare l’uso del metano in questo Paese, che dispone di importanti risorse, recentemente incrementate con la scoperta di nuove riserve. La joint venture, che sarà costituita entro la prima metà del 2021, ci darà da un lato la possibilità di continuare a crescere in questo mercato, dall'altro un ruolo indiscusso di leader, non solo sul fronte delle conversioni After Market, ma anche delle partnership con gli OEM locali. Tale accordo sarà inoltre strategico per espandere ulteriormentela presenza del gruppo in tutta l’Africa, oltre all’Egitto e all’Algeria».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti