m&a

Lanvin, i cinesi di Fosun rilevano la maggioranza della casa di moda più antica di Francia

(Afp)

2' di lettura

È stata una lunga battaglia quella per la conquista di Lanvin, la più antica casa di moda francese, fondata nel 1889 da Jeanne Lanvin. A spuntarla, come anticipato dal Sole 24 Ore del 13 febbraio, sono stati i cinesi di Fosun International, gruppo quotato a Hong Kong con asset per 75 miliardi di dollari che conta, nella propria divisione fashion, brand tra cui gli italiani Caruso e nella quale ha tentato di inserire anche, La Perla.

I colori di Parigi:  Lanvin, Dries Van Noten, Guy Laroche ed Etam

I colori di Parigi: Lanvin, Dries Van Noten, Guy Laroche ed Etam

Photogallery32 foto

Visualizza

Lanvin, nel 2001 acquistato dall'imprenditrice taiwanese Shaw-Lan Wang, da quasi tre anni sta vivendo un periodo di incertezza: dopo lo “strappo” tra la proprietà e il direttore creativo Alber Elbaz, che ha lasciato la maison nel 2015 all'improvviso - ottenendo, di recente, un indennizzo di 10 milioni di euro -, ha cambiato ben due guide creative: Boucra Jarrar, fino al 2017, e Olivier Lapidus. Non ha però mai ritrovato un'identità precisa. Le collezioni di Lanvin (donna, uomo, bambino, scarpe e accessori) sono vendute in 50 paesi, sotto il controllo di Fosun Lanvin punterà alla ripresa (i ricavi 2016 si sarebbero attestati sui 162 milioni di euro) e, insieme, al consolidamento internazionale.

Loading...

«Lanvin aggiunge un asset di lusso al Fosun Fashion Group. Con la Cina che sta diventando il principale driver della crescita del lusso mondiale - ha detto Joann Cheng, vice-cfo di Fosun International ed executive president di Fosun Fashion Group - siamo fiduciosi che Fosun potrà aumentare in modo significativo il valore di Lanvin, grazie a risorse ed expertise, mantenendo fermo l'impegno al posizionamento di Lanvin nell'high luxury e l'eccezionale qualità dei prodotti di questo brand, realizzati in Italia e Francia».

È rimasto a bocca asciutta, invece, il fondo Mayhoola for Investments, braccio finanziario della famiglia reale del Qatar che nel proprio portfolio ha Valentino, Pal Zileri e Balmain. Già prima dell'addio di Elbaz il fondo aveva offerto alla Wang di rilevare la sua quota (75%) e di recente pareva essere interessato all'operazione.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti