Covid-19

Latam dichiara il fallimento e ricorre all’amministrazione controllata

La compagnia aerea, in seguito al Covid-19, chiede la protezione al Tribunale americano l’applicazione del Chapter 11. Si prevedono tagli drastici

di Roberto Da Rin

default onloading pic
(EPA)

La compagnia aerea, in seguito al Covid-19, chiede la protezione al Tribunale americano l’applicazione del Chapter 11. Si prevedono tagli drastici


2' di lettura


Il peggiore degli scenari, in America Latina. Nelle settimane in cui l'emergenza Covid-19 pare attenuarsi in Europa, molti Paesi latinoamericani vivono settimane drammatiche.

Il Brasile rappresenta l'esempio più eclatante: si tratta del secondo Paese più colpito al mondo dopo gli Stati Uniti. Le vittime sono oltre 23mila e i contagi superano quota 370mila. Anche il Perù vive un'emergenza senza precedenti e fatica ad arginare la diffusione, registrando oltre 4mila casi e 170 morti nelle ultime 24 ore.

Richiesta “amministrazione controllata”

Lo specchio del dramma umano e sanitario lo si ritrova nella recessione economica che attanaglia l'intera America Latina: una delle società più importanti, la compagnia aerea Latam, ha presentato una istanza di fallimento negli Stati Uniti. La più grande compagnia aerea della regione ha dichiarato di essere incapace di rispettare le scadenze finanziarie dopo il crollo dell'attività a causa dalla pandemia di coronavirus. Per questo ha richiesto la protezione del Chapter 11 negli Stati Uniti, ovvero una sorta di amministrazione controllata.

Le imprese che accedono a questa opzione fallimentare debbono soggiacere alle norme che disciplinano il processo di riorganizzazione e ristrutturazione sotto la supervisione di un tribunale nordamericano.
Il mese scorso, la compagnia aerea brasiliano-cilena ha annunciato il taglio del 95% dei voli in risposta alla crisi sanitaria globale, che ha bloccato i viaggi in tutto il mondo. Latam nel 2019 ha trasportato più di 74 milioni di passeggeri, operando all'interno dell'America Latina, negli Stati Uniti e verso l'Europa.

La società ha chiesto appoggio finanziario ai governi di Chile, Brasile, Colombia e Perù. Il direttore di Latam, Roberto Alvo, ha dichiarato che «prima del Covid-19 la compagnia godeva di capacità reddituali, poi circostanze eccezionali hanno generato un collasso della domanda».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti