DATI Assolatte

Latte UHT, le vendite aumentano (+4,5%) anche dopo l’effetto scorta da lockdown

Gli italiani continuano a comprare il latte a lunga conservazione, surgelati e caffè nella grande distribuzione anche in questa fase non più emergenziale

di L.Ben.

(AdobeStock)

1' di lettura

Il lockdown aveva spinto gli italiani a fare scorte di prodotti a lunga conservazione. Ora in questa situazione dai contorni di normalità anche se la pandemia non si è esaurita, il latte UHT continua a guadagnare spazio nel carrello della spesa. Nell'ultimo mese rilevato da Nielsen (27 luglio-23 agosto), afferma Assolatte, le vendite di brick di questa tipologia di latte realizzate nei punti vendita della Gdo sono aumentate del 4,5% a valore. Un trend migliore rispetto ad altri prodotti della dieta mediterranea, come la pasta (+4,2% nello stesso periodo). Grazie a questa performance il latte UHT si conferma uno dei pochi prodotti alimentari (insieme a farina, pesce surgelato e caffè) a non aver subìto il taglio della spesa effettuato dagli italiani durante la fase 2.

Dopo il record, dei mesi più bui per i consumatori chiusi in casa dal 9 marzo al 3 maggio, quando le vendite sono schizzate fino al +22% rispetto al 2019, anche da maggio in poi l'andamento positivo di questo prodotto è proseguito in modo regolare. Secondo Assolatte, complice anche la ripresa della scuola, il latte continuerà ad un ruolo da protagonista nelle nuove abitudini alimentari del post Covid19.

Loading...


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti