I risultati dell'Arma

Lavoro, boom del caporalato: nel 2019 arresti raddoppiati

Presentati i risultati operativi del Comando Tutela Lavoro e dei Nas nel contrasto al lavoro nero, l'utilizzo dei minori e le altre forme di sfruttamento. Denunciati 84 soggetti per aver usufruito illecitamente del reddito di cittadinanza.

di Marco Ludovico

Caporalato in provincia di Agrigento, 8 fermi

Presentati i risultati operativi del Comando Tutela Lavoro e dei Nas nel contrasto al lavoro nero, l'utilizzo dei minori e le altre forme di sfruttamento. Denunciati 84 soggetti per aver usufruito illecitamente del reddito di cittadinanza.


2' di lettura

Vecchie e nuove, le frodi sul lavoro aumentano. I Carabinieri nell’ultimo anno hanno denunciato 84 soggetti per indebita percezione del reddito di cittadinanza: oltre a riscuotere l’assegno, la maggior parte lavora anche ma in nero. Fa impressione ancora di più l’impennata del caporalato, tecnica illecita di reclutamento e, spesso, di costrizione e violenza, vecchia di un secolo. Nel 2019 gli arresti dei Carabinieri per questa voce fino a ottobre sono stati 108; in tutto l’anno scorso sono stati 56, la metà.

Il lavoro nero
Nel periodo gennaio 2018 – settembre 2019 l’azione del Comando Carabinieri per la Tutela del Lavoro ha consentito di deferire all’autorità giudiziaria 10.601 persone di cui 201 tratte in arresto. I servizi eseguiti dai Nuclei Ispettorato del Lavoro presso 28.476 aziende hanno verificate le posizioni di 94.784 lavoratori di cui 26.942 extracomunitari. Sono emersi 16.596 lavoratoti in nero di cui 5.805 extracomunitari. Le verifiche hanno consentito di accertare 460 casi di minori occupati illecitamente, rispetto ai 956 complessivamente controllati. Nessuno di questi ragazzi per fortuna era vittima di tratta.

Le vittime di sfruttamento
Nel biennio 2018-2019 sono stati individuati circa 600 casi di sfruttamento di lavoratori rumeni, 500 tra i pakistani, 300 di cinesi, 200 tra marocchini e bengalesi. Ma ci sono anche gli italiani e non pochi: 344 il totale finale.

Leggi anche

Sicurezza e obblighi contributivi
In tema di elusione contributiva nell’ultimo biennio i carabinieri hanno contestato sanzioni amministrative per oltre 42 milioni di euro, hanno recuperato contributi per 8 milioni, accertato 156 truffe per un importo pari a più di 32 milioni. Per la sicurezza sui luoghi di lavoro sono state ispezionate 5.150 aziende, segnalate alla magistratura 5.620 persone, sequestrati 56 cantieri e contestate ammende per circa 15 milioni.

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti