Evento Sole 24 Ore-Ft-Sky

Lavoro, Giorgetti: uscire da blocco licenziamenti con ammortizzatori

Il responsabile dello Sviluppo economico è intervenuto al think tank “Made in Italy: setting a new course” organizzato da Gruppo 24 Ore, Financial Times e SkyTg24

Lavoro, Giorgetti: uscire da blocco licenziamenti con ammortizzatori

2' di lettura

«Dal blocco dei licenziamenti si deve uscire con un sistema di ammortizzatori sociali che permetta a chi esce dal circuito produttivo di avere comunque un reddito ed essere assistito e riaccompagnato all’ingresso del mondo del lavoro non appena questo lo permetterà». È quanto ha messo in evidenza il ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti, intervenendo al think thank “Made in Italy: setting a new course” organizzato da Gruppo 24 Ore, Financial Times e SkyTg24. «Io penso si debba uscire» dal blocco dei licenziamenti, ha ribadito, «e si debba uscire con un sistema di ammortizzatori sociali su cui sta lavorando il ministro Orlando e gestendo la fase di transizione settore per settore».

Pil, ottimista su ripresa, domanda pubblica e privata crescerà

Sulla ripresa dell’economia italiana, ha confidato Giorgetti, «io sono ottimista e non lo dico come frase di circostanza, perché tendenzialmente sono un realista». «Sono ottimista - ha continuato - perché il piano vaccinale va bene e dopo un periodo così buio c’è voglia di vita e questo anima gli imprenditori e i loro spiriti. Serve la domanda, sia pubblica che privata, che è destinata a crescere, dobbiamo essere in grado di ristrutturare l’offerta produttiva e essere in grado di cogliere una ripresa forte”. In più, “dobbiamo correggere storture per essere più forti».

Loading...

Alitalia, brand ha valore importante, lo dice anche l’Europa

Giorgetti è intervenuto anche sul tema Alitalia. «Tutti parlano male di Alitalia - ha detto -, ma il brand Alitalia ha un valore importante». «Ce lo hanno riconosciuto anche in Europa dicendo “lo dovete mettere a gara perché ha un valore importante”», ha aggiunto.

Ex Ilva: produzione acciaio in Italia è strategica, sfida da vincere

Quanto all’ex Ilva e al futuro del siderurgico in Italia, è una sfida che «ci sentiamo di affrontare e anche di vincere», con lo Stato «attore del processo». «Per noi - ha aggiunto - è un settore strategico perché l’acciaio deve stare vicino a chi l’acciaio lo usa come materia prima». Oggi, «l’industria italiana è in difficoltà perché è una materia prima difficile da trovare sul mercato e con costi altissimi. Riteniamo quindi che la produzione di acciaio in Italia sia strategica e debba avvenire qui, non possiamo essere solo nelle mani di produttori stranieri, non ce lo possiamo permettere».

Spero in prossime settimane risultati su vaccino italiano anti Covid-19

Un passaggio dell’intervento del responsabile dello Sviluppo economico del governo Draghi è stato sull’ipotesi di un vaccino italiano. «Stiamo lavorando con soggetti sia internazionali che italiani che hanno individuato l'Italia come il luogo ideale per produrre il vaccino» anti Covid «in futuro - ha spiegato Giorgetti -. Spero che nelle prossime settimane si possa arrivare al risultato». «Continueremo a supportare tutti quelli che continuano a cercare delle risposte - ha aggiunto - anche perché il mondo che verrà ci porrà nuove sfide analoghe a quella vissuta in questi mesi. Quello su cui dobbiamo sforzarci è che a livello nazionale ed europeo dobbiamo avere una sorta di autonomia strategica - ha concluso - per poter rispondere alle sfide senza dipendere da altri come è avvenuto in questo caso».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti