ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLe misure anti-rincari

Lavoro, nell’agenda di Draghi il tema salari: ipotesi tavolo con le parti sociali

L’inflazione che galoppa accentua l’urgenza anche di una riflessione sul dossier del salario minimo, con un pressing crescente per arrivare a un accordo entro la legislatura

Landini: la gente non lavora? Aumentate salari e non sfruttateli

2' di lettura

Il governo si è dato l’orizzonte di un mese per valutare l’evoluzione della situazione economica e geopolitica, e lanciare un nuovo scudo-anti rincari a difesa di famiglie e imprese. Cercando sempre di evitare indebitamento extra. Qualche spiraglio per non ricorrere ad uno scostamento viene dalla performance del Pil, che non solo ha evitato il segno meno nel primo trimestre ma sta dando segnali incoraggianti sull’andamento del secondo. Certo, gli spazi che si aprirebbero sarebbero fondamentalmente già tutti ipotecati: il taglio delle accise sulla benzina, in scadenza l’8 luglio, che in molti chiedono di prorogare o rafforzare, costa un miliardo al mese; ne servirebbero almeno due per arrivare a settembre ed evitare salassi alla partenza per le vacanze.

Intervento a protezione dei salari

Con ogni probabilità bisognerà però replicare qualche intervento a protezione dei salari, dopo il bonus da 200 euro (in arrivo per lavoratori dipendenti, pensionati e disoccupati con redditi fino a 35mila euro, ma anche percettori del reddito di cittadinanza e stagionali) con le buste paga di luglio. Una misura una tantum eviterebbe la «vana rincorsa tra prezzi e salari» evocata dal governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco. Anche perché eventuali misure strutturali non potrebbero che essere discusse in autunno, con la legge di Bilancio.

Loading...

Ipotesi tavolo a palazzo Chigi

Probabile che si cerchi un nuovo confronto con le parti sociali. Al momento a Palazzo Chigi non ci sono appuntamenti in agenda, ma il premier Draghi sarebbe disponibile a convocare un tavolo sui salari con le parti sociali per gestire tutti insieme, sindacati, imprese e governo, una fase critica per la perdita di potere di acquisto dei lavoratori.

Il pressing sul salario minimo

L’inflazione che galoppa accentua l’urgenza anche di una riflessione sul dossier del salario minimo, con un pressing crescente per arrivare ad un accordo entro la legislatura. Sul salario minimo il ministro del Lavoro Andrea Orlando ha ricordato che c’è una proposta che prevede come «il trattamento economico complessivo contenuto nei contratti possa diventare il salario minimo di riferimento per tutti i lavoratori di quel comparto».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti