Governo

Lavoro, Catalfo: decreto sulla cassa integrazione approvato in Cdm. Subito le altre 4 settimane

Le ulteriori quattro settimane delle nove previste dal decreto Rilancio potranno essere utilizzate anche in anticipo e quindi in continuità rispetto alle precedenti. Il governo interviene con un decreto legge sugli ammortizzatori sociali coprendo il potenziale 'buco' nel ricorso alla cassa integrazione in questa fase di emergenza Covid

Decreto rilancio, tempi più corti per le domande di cassa integrazione

Le ulteriori quattro settimane delle nove previste dal decreto Rilancio potranno essere utilizzate anche in anticipo e quindi in continuità rispetto alle precedenti. Il governo interviene con un decreto legge sugli ammortizzatori sociali coprendo il potenziale 'buco' nel ricorso alla cassa integrazione in questa fase di emergenza Covid


3' di lettura

Subito un altro mese di cig Covid e senza interruzioni, non in due step come inizialmente deciso: le ulteriori quattro settimane delle nove (su un totale di 18) previste dal decreto Rilancio potranno essere utilizzate anche in anticipo e quindi in continuità rispetto alle precedenti.

Il governo interviene con un decreto legge sugli ammortizzatori sociali coprendo il potenziale 'buco' nel ricorso alla cassa integrazione in questa fase di emergenza Covid, che avrebbe potuto lasciare scoperte alcune imprese e lavoratori già dalla fine di giugno. E allo stesso tempo avvia la riforma del sistema.

“Approvato in Consiglio dei Ministri il decreto che permette alle aziende che hanno esaurito le 14 settimane di #CassaIntegrazione, previste nel #CuraItalia e #DecretoRilancio, di anticipare le ulteriori 4 previste.
Sosteniamo la ripartenza delle imprese tutelando i lavoratori”, ha twittato in serata il ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo.

Del resto i dati del rapporto Istat che ha indagato sulle ripercussioni dal Covid sul tessuto produttivo italiano sono eloquenti: quattro aziende su dieci hanno visto dimezzare gli affari, quasi una su sei li ha azzerati. Non stupisce allora come oltre il 70% abbia fatto ricorso alla cassa integrazione. E che oltre il 40% abbia chiesto sostegno al credito attraverso i canali concessi dai decreti governativi anti-crisi (con oltre la metà “in attesa” di ricevere i sostegni).

Sindacati chiedono blocco licenziamenti fino a fine anno

Parlano di «primo risultato» i sindacati, che però chiedono che ammortizzatori e blocco dei licenziamenti (al momento fissato a metà agosto) vengano prorogati fino a fine anno. Grazie al decreto, le aziende ed i lavoratori che hanno esaurito le prime 14 settimane di cig «potranno chiedere da subito le ulteriori quattro settimane approvate dal dl Rilancio», come rimarca il premier Giuseppe Conte nel corso della riunione con i sindacati agli Stati generali dell'economia, ai quali annuncia un Cdm a margine degli incontri a Villa Pamphili per dare il via libera proprio al decreto.

Verso la riforma degli ammortizzatori sociali
Alle iniziali nove settimane di cig Covid previste dal decreto Cura Italia sono state infatti aggiunte nove settimane nel decreto Rilancio, però divise in due tranche: cinque settimane da poter utilizzare nel periodo dal 23 febbraio alla fine di agosto e altre quattro tra settembre e ottobre. Con il nuovo decreto si elimina l'interruzione e si potranno utilizzare consecutivamente le ultime quattro, garantendo così ai lavoratori - come sottolineato dal governo - la continuità del sostegno al reddito. Una novità che presto verrà accompagnata da una riforma dell'intero sistema: il governo lavora per il superamento della cig e per arrivare ad un meccanismo «nuovo e molto più veloce».

Salario minimo e detassazione degli aumenti contrattuali

La riforma degli ammortizzatori sociali «è una assoluta priorità», afferma la ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, preparando l'avvio del confronto e indicando nel progetto sul lavoro cavalli di battaglia come il salario minimo ma anche le regole per lo smart working e la detassazione degli aumenti contrattuali. «Nei prossimi giorni inizieremo a confrontarci con le parti sociali: bisogna mettere ordine agli strumenti esistenti prevedendo misure meno passive», sottolinea la ministra che già in queste settimane aveva più volte sostenuto che il sistema attuale è «farraginoso» e «frammentato». Esiste una ventina di strumenti differenti nei diversi settori, che vanno razionalizzati - è la linea che emerge dal ministero - anche per rendere più semplici le procedure di erogazione. Una necessità divenuta evidente proprio in questo periodo, con i ritardi accumulati soprattutto nel pagamento della cig in deroga.

Sindacati: patto forte tra governo, istituzioni e parti sociali

Per i sindacati, l’anticipo della data della cig è un primo passo. «Abbiamo ottenuto un primo risultato», ma «non è ancora sufficiente e abbiamo chiesto il blocco dei licenziamenti fino alla fine dell'anno e anche i conseguenti ammortizzatori sociali», afferma il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini. Richiesta, quella sulla proroga di sostegno al reddito e stop ai licenziamenti, che Cgil, Cisl e Uil rimarcano ormai da giorni. Parla di incontro «positivo» la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, al termine della riunione, nel corso della quale il sindacato ha ribadito la necessità di «un patto forte tra governo, istituzioni e parti sociali» richiamando la concertazione e «lo spirito costruttivo di Ciampi del 1993». Insiste che «bisogna ridisegnare il Paese con un Patto che coinvolga tutti: serve un nuovo modello complessivo» anche il segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo.


Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti