Dai rider alla ex ilva

Lavoro, tutte le misure “a rischio” per la crisi di governo

Il decreto sui rider, le tutele per i manager dell’ex Ilva e gli aiuti alle aziende in crisi, licenziato dal consiglio dei ministri “salvo intese” senza l’approvazione definitiva del governo resta lettera morta. Il decreto dignità e il reddito di cittadinanza potrebbero essere modificati o non essere confermati da un altro esecutivo.

di Giorgio Pogliotti


default onloading pic

3' di lettura

Dal decreto dignità che ha modificato la disciplina sui contratti a termine e sul lavoro in somministrazione, al dimezzamento delle ore e dei fondi per l’alternanza scuola-lavoro. Dall’introduzione del reddito e della pensione di citttadinanza che ha interessato finora oltre 905mila nuclei familiari, fino all’ultimo decreto legge sui rider, il sostegno alle aziende in crisi e le tutele per gli attuali gestori dell’ex Ilva che è stato approvato dal consiglio dei ministri «salvo intese»: va completato affinchè non rimanga lettera morta.

Sono i principali provvedimenti sul mercato del lavoro lasciati in eredità dal governo Conte. Buona parte di queste misure, se dovesse cambiare la maggioranza di governo, sono fortemente a rischio.

Salario minimo legale: prima vittima della crisi
La prima vittima della crisi di governo è l’annunciata introduzione del salario minimo legale, fortemente voluto dal M5S, ma avversato da tutte le parti sociali, dalla Lega e dalle opposizioni) , che sembra destinato a restare solo sulla carta. Il disegno di legge presentato a luglio del 2018 dalla senatrice pentastellata Nunzia Catalfo è fermo in commissione lavoro. Lo scorso 6 luglio, al termine dell’incontro con le parti sociali al Viminale, il vicepremier Matteo Salvini ha raccolto le critiche mosse da imprese e sindacati sui provvedimenti sul lavoro targati M5S. «Si rischia una fuga dai contratti collettivi - ha detto-, con il risultato che per aiutare qualcuno si danneggiano milioni di lavoratori. Una riflessione qualcuno la dovrà pur fare».

A rischio reddito di cittadinanza e decreto dignità
Bersaglio di Salvini è anche il decreto dignità, su cui sempre il 6 luglio, su istanza del mondo produttivo ha aperto a «modifiche, vista l’inefficacia delle misure». Nel mirino anche il reddito di cittadinanza, considerando che per questa ragione «molte imprese hanno sottolineato la mancanza di mano d'opera qualificata». Nel comizio di Sabaudia della sera del 7 agosto Salvini è tornato sul tema: «Non si possono garantire reddito di cittadinanza a tutti e salario minimo, prima bisogna dare lavoro, creare ricchezza, sennò cosa ridistribuisci?».

Dai rider agli aiuti per le aziende in crisi, serve il via libera del governo Ultimo atto del governo Conte è il decreto legge con la norma sui rider e gli aiuti alle aziende in crisi, licenziato «salvo intese» dal consiglio dei ministri del 6 agosto: prevede che l'impresa titolare della piattaforma digitale, debba farsi carico della copertura assicurativa obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali. Per il trattamento economico dei rider il Dl riconosce la possibilità di utilizzare il cottimo misto, ovvero un importo pagato come lavoro a cottimo in misura non prevalente, in aggiunta ad una retribuzione a tempo. La retribuzione base oraria è riconosciuta a condizione che per ciascuna ora lavorativa il lavoratore accetti almeno una chiamata.

Critici i sindacati: «Mancano i riferimenti al divieto di cottimo - sostiene la Filt-Cgil -al diritto alla disconnessione e non sono presenti le tutele sindacali, il riposo, un orario minimo garantito e un compenso dignitoso. Alla luce di queste lacune, l’unico modo per assicurare tutele e riconoscere diritti ai rider rimane il contratto nazionale della logistica».

Lo stesso decreto prevede alcune garanzie “a tempo” per i manager di Arcelor Mittal impegnati nell’attuazione del piano ambientale nell’ex Ilva, contiene le risorse per salvare lo stabilimento di Napoli della Whirlpool, per i lavoratori della Blutec di Termini Imerese, per quelli dell’ex Alcoa di Portovesme, per l’area di crisi di Isernia, proroga a dicembre dei progetti di Lsu in scadenza a ottobre e prevede la stabilizzazione dei precari di Anpal servizi. Il testo deve essere approvato definitivamente dal governo, una volta verificata l’esistenza delle coperture, e spedito alla Ragioneria dello Stato per la bollinatura, per inviarlo al Capo dello Stato per la promulgazione. Altrimenti queste norme resteranno scritte solo sulla carta.

Un analogo percorso interessa un secondo Dl sulla scuola varato «salvo intese» dal consiglio dei ministri che contiene, tra l’altro, una sanatoria per i docenti precari.

Il taglio dell’alternanza scuola-lavoro alla prova di settembre
Tra le misure del governo giallo-verde c’è il dimezzamento di fondi e ore dell’alternanza scuola lavoro. La formazione on the job è diventata didattica obbligatoria nel 2015: era fino a 400 ore nei tecnici e professionali, fino a 200 ore nei licei, ma si è passati a 90 ore nei licei, 150 nei tecnici, 210 nei professionali. I finanziamenti sono scesi da 100 a 50 milioni. Le imprese sono in allarme e chiedono un ripensamento, almeno negli istituti tecnici . In vista di settembre, con l'avvio del nuovo anno scolastico 2019/2020, molte aziende potrebbero fare marcia indietro e non partecipare ai programmi.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...