L’EMERGENZA COVID

Lazio e Sardegna, ecco le prime regioni pronte a partire con il patentino delle vaccinazioni

L’Europa discuterà a metà marzo una proposta comune. Il ministro della Salute Speranza ha chiarito che «l'Italia si muoverà in sintonia con gli altri Paesi e con la Commissione Ue»

di An.C.

Covid, Ilaria Capua: “Bisogna stare fermi per altri due mesi”

3' di lettura

Si chiama “passaporto vaccinale” e potrebbe rappresentare una boccata d’aria per un turismo travolto dalla pandemia coronavirus. In Cina, con un codice Qr crittografato che consente di ottenere informazioni sulla salute della persona, è già realtà. In paesi avanti con la campagna dei vaccini, come Stati Uniti e Israele, ci sono già degli esperimenti. L’Europa discuterà a metà marzo una proposta comune. Il ministro della Salute Speranza ha chiarito che «l'Italia si muoverà in sintonia con gli altri Paesi e con la Commissione Ue».

Nell’ottica di una accelerazione della campagna di vaccinazione - da aprile dovrebbero arrivare in Italia 14 milioni di dosi al mese - si discute dell'opportunità di iniziare a implementare soluzioni, anche digitali (es. app), per rispondere all'esigenza di rendere l'informazione sull'essersi o meno vaccinati come condizione per l'accesso a determinati locali o per la fruizione di taluni servizi (aeroporti, hotel, stazioni, palestre). In Italia il Garante Privacy ritiene ci debba essere una legge nazionale anche per evitare discriminazioni tra chi ha avuto il vaccino e chi no, e fughe in avanti delle singole Regioni com'è stato per l'app Immuni. Intanto però tre regioni hanno già chiarito di voler andare in quella direzione. Sono il Lazio, la Sardegna e il Veneto. Con le prime due che si sono spinte più avanti.

Loading...

Il Lazio: da metà marzo scaricabile passaporto vaccinale

La regione Lazio ha giocato d’anticipo. Da metà marzo chi ha ricevuto il vaccino (anche il richiamo) potrà scaricare da un sito un attestato di certificazione vaccinale. «Potrà essere utile in futuro in base alle disposizioni che il Governo o l'Ue vorranno emanare», ha spiegato l'assessore alla Sanità Alessio D’Amato.

Zaia, la campagna di immunizzazione porterà a quello

In Veneto chi verrà vaccinato riceverà dalla Usl un documento che certifica il fatto che la persona è stata immunizzata. Per il presidente della regione Luca Zaia la campagna di immunizzazione in corso non potrà che portare ad un “passaporto vaccinale”. «Penso che lo stato vaccinale finirà sul passaporto. Una discriminazione? Sì, perchè c'è chi non si può vaccinare, e deve avere diritto a viaggiare come gli altri. Però è inutile fare tutte queste elucubrazioni. La verità va nella direzione che se non sei vaccinato ci saranno delle strutture che non ti permettono di accedere. O guardiamo in faccia alla realtà , o apriamo un salotto per discutere una vita sull'opportunità o meno. Condivido tutte le riflessioni che si fanno sul tema ma il mondo - ha sottolineato Zaia - va in un' altra direzione. Se non ci organizziamo arriveremo buoni ultimi un'altra volta. Andrà a finire così. Stiamo qui a discutere del passaporto vaccinale e vedrete cosa accadrà. Avremo una parte del mondo in cui gli Stati saranno come Covid free, e su di noi metteranno Rt. Vedremo poi come finirà il turismo».

Il ministro Garavaglia: servono soluzioni comuni in Europa

Sul tema è intervenuto anche il ministro del Turismo Massimo Garavaglia. «C'è una discussione aperta sul passaporto sanitario - ha ricordato in un’intervista a Radio24 -, ma ci vogliono soluzioni comuni in Europa. Le vaccinazioni devono accelerare. Abbiamo perso mesi ed è difficile recuperare».

Il caso Sardegna

La Sardegna è in fascia bianca, anche se fa paura lo spettro della variante inglese. Il governatore Christian Solinas ha annunciato che quest’estate «per sbarcare nell'isola dalle navi o dagli aerei servirà un certificato di negatività o di avvenuta vaccinazione». Vacanze Covid-tested. Già oggi chi mette piede in Sardegna deve effettuare la registrazione attraverso la sezione dedicata nel sito della Regione, oppure attraverso l'app Sardegna Sicura (scaricabile su dispositivi Android o Os). Durante la registrazione, che va presentata agli imbarchi assieme ai documenti, i viaggiatori possono certificare (anche) di essere stati immunizzati (con la somministrazione della prima e seconda dose di vaccino).

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti