25 novembre

Le aziende si schierano con le donne vittime di violenza

Un numero sempre maggiore di imprese sta mettendo in atto iniziative pubbliche e programmi interni per combattere la violenza contro le donne

di Letizia Giangualano

4' di lettura

Sono ancora sconfortanti i numeri della violenza contro le donne: 109 le donne uccise in Italia da gennaio a novembre 2021, di cui 89 in ambito familiare e affettivo, e di queste 60 sono state uccise per mano di mariti, fidanzati e compagni. Con un piano antiviolenza presentato alla Camera, in ritardo di 11 mesi, e l'aumento dei casi di violenza domestica segnalato dalle ricerche post-pandemia, si fa sempre più urgente operare sui territori per potenziare la rete e offrire supporto alle donne in difficoltà. Ed è importante farlo anche agendo sulla cultura e la sensibilizzazione, in modo capillare e strategico.

Le iniziative delle aziende hanno una doppia valenza: da un lato rendono esplicito il fatto che la violenza domestica non è un fatto privato, ma tutti sono chiamati a riconoscerla e farsene carico in modo attivo. Dall'altro lato, i programmi di corporate social responsability, consentono di aprire una finestra di dialogo sul tema importante dell'indipendenza economica, fondamentale per contrastare la violenza di genere. Per molte donne infatti uscire da una situazione di violenza è complicato anche perchè mancano dei presupposti di autonomia, e la sensibilità delle aziende sul tema può giocare un ruolo fondamentale. In quest'orizzonte sono diverse le iniziative e gli eventi realizzati nella settimana del 25 novembre, giornata internazionale contro la violenza sulle donne.

Loading...

Le iniziative in programma

Il Gruppo Angelini lancerà la nuova sezione dello sportello psicologico “Angelini4You” dedicato ai dipendenti che possono avere bisogno di assistenza in caso di violenza domestica. La nuova sezione si chiama “care e protection” ed è rivolta a chi vive conflitti di coppia e a chi è a rischio di violenza, con attenzione anche a minori e anziani.

Nello stesso giorno il Gruppo FS organizza un webinar riservato ai dipendenti maschi, con l'obiettivo di sottolineare il ruolo positivo e proattivo che anche gli uomini devono avere nel supportare le vittime di violenza, agendo in chiave di prevenzione del rischio. Il webinar parlerà dell'importanza di saper cogliere i segnali di richiesta di aiuto, per agire in modo da creare una rete in grado di proteggere le donne e le vittime di abusi. L'impegno sul tema verrà esplicitato anche con due iniziative: Villa Patrizi a Roma, sede centrale di FS italiane, e le sedi di Ferservizi e di Italferr, si tingeranno di arancione, colore simbolo scelto dall'UN Women per un futuro senza violenza.

La campagna di comunicazione interna #iononrestoaguardare, rivolta a tutti i ferrovieri, donne e uomini, invita poi i dipendenti del gruppo a condividere una foto del signal for help, il gesto ideato dalla Canadian Women’s Foundation, che le vittime di violenza domestica possono fare con la mano per inviare richieste di aiuto. Il gesto (pollice stretto in un pugno o pollice chiuso in un palmo) si è diffuso sui social media, trasformandosi in un segnale internazionale per chiedere aiuto senza parlare.

Progetti accanto alle Associazioni

È a supporto di WeWorld l'iniziativa di Carrefour Italia, per le donne vittime di violenza. Dal 25 novembre al 31 dicembre 2021, in tutti i punti vendita sul territorio nazionale, i clienti potranno donare in cassa un importo pari a 1, 3 o 5 euro, che sarà interamente devoluto a WeWorld, per supportare percorsi di orientamento al lavoro dedicati alle donne più vulnerabili, con l'obiettivo di garantire loro autonomia e indipendenza economica. A seguito della donazione verrà emesso uno scontrino che riporterà il messaggio: «Se sei vittima di violenza o stalking, chiama il numero antiviolenza 1522, gratuito e attivo 24h su 24». I dipendenti nei punti di vendita indosseranno un simbolo riconoscibile per richiamare l'attenzione sulla giornata contro la violenza, e saranno presenti dei banchetti con i volontari di WeWorld per interagire con i clienti e coinvolgerli sul tema.

Lega Serie A, ancora insieme a WeWorld, rinnova il proprio impegno presentando la quinta edizione della campagna #unrossoallaviolenza. Il mondo del calcio porta in campo la lotta alla violenza nella 14ª Giornata di Andata della Serie A TIM 2021/2022: i calciatori e gli arbitri scenderanno porteranno un segno rosso sul viso e i capitani di tutte le squadre indosseranno la fascia simbolo della giornata. In ogni stadio il podio portapallone e la lavagna luminosa per le sostituzioni saranno personalizzati con l'adesivo dell'iniziativa, mentre sarà trasmesso sui maxischermi lo spot della campagna. Tra i testimonial, Alessandro Del Piero, Elisa Di Francisca, Marco Materazzi e Marta Pagnini, insieme a Rossella Brescia.

Women in Coffee è il progetto di Caffè Vergnano che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè. L'iniziativa che ha ideato per il 25 novembre è accanto a Telefono Rosa, a favore dell'empowerment femminile e contro ogni tipo di violenza. Il Van rosa simbolo del progetto farà tappa a Torino in via della Rocca 19, e ogni espresso servito andrà interamente devoluto a supportare e finanziare le attività di Telefono Rosa.

Le strutture del gruppo Korian si schierano accanto all'associazione D.I.Re – Donne in Rete contro la violenza: nelle sedi in Italia verrà trasmesso un video di sensibilizzazione realizzato da D.i.Re, accompagnato da una brochure informativa con gli indirizzi dei centri antiviolenza presenti sul territorio; gli ospiti dei centri, gli operatori e i familiari saranno coinvolti nel dipingere simbolicamente di arancione una panchina, e presso alcune strutture verrà creato un Wall of Dolls, installazione permanente fatta di bambole in ricordo di tutte le vittime di femminicidio. Con oltre l'80% delle dipendenti donne, il gruppo ha creato da aprile il Women's Club, un team dedicato con due obiettivi principali: prevenire la violenza contro le donne e puntare sull'empowerment della leadership al femminile.

Sorgenia infine si schiera accanto a Fondazione Pangea Onlus, organizzazione no profit che dal 2002 lavora per favorire lo sviluppo economico e sociale delle donne, con progetti attivi in Italia, Afghanistan e India. Dal 25 novembre sarà possibile scaricare gratuitamente l'ebook “Storie di donne rinate” che raccoglie le storie di dieci donne che hanno preso in mano la loro vita per costruire un futuro migliore. Per ogni download, Sorgenia donerà 1 euro a Pangea. Le dieci storie sono anche raccontate direttamente dalle voci delle protagoniste in un podcast, che dal 25 al 28 novembre, in piazza Tre Torri a Milano, potranno essere ascoltate in un'installazione dedicata. Un angolo in cui fermarsi ad ascoltare le storie di chi è riuscito a salvarsi ed emergere da una situazione apparentemente senza via d'uscita. Un messaggio di speranza per le donne vittime di violenza.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti