Innovazione

Le bollette, i consumi e gli apparecchi indossabili che usano l’energia del corpo

Parliamo soprattutto di concept e di sperimentazioni di laboratorio, ma l'innovazione (si sa) corre veloce e oggi più che mai. I

di Gianni Rusconi

Emergenza bollette, risparmio e spaghetti: come proteggersi?

2' di lettura

Il periodo, e lo sappiamo tutti alla vista delle ultime bollette di luce e gas, impone massima attenzione ai consumi. Ma come si concilia l'esigenza di essere più virtuosi con quella di avere sempre a piena carica i nostri amati device tecnologici, senza dimenticarsi (magari) dell'obiettivo comune di essere tutti più ecosostenibili? Se guardiamo in prospettiva, una strada possibile è quella che porta agli apparecchi indossabili autoalimentati, in grado cioè di raccogliere energia direttamente dall'individuo che li indossa per fungere da micro-generatori. Parliamo soprattutto di concept e di sperimentazioni di laboratorio, ma l'innovazione (si sa) corre veloce e oggi più che mai. I più dotti in materia non si spaventeranno certo nell'udire termini come triboelettricità (generata dal contatto-sfioramento fra due materiali diversi), piezoelettricità (prodotta dalla deformazione meccanica di materiali cristallini) o elettromagnetismo.

Ai comuni mortali, forse, basterà forse sapere che attraverso appositi dispositivi è possibile convertire l'energia chimica che produce il movimento del nostro corpo in energia elettrica. Immaginare sé stessi come dei generatori di corrente con indosso speciali bracciali o batterie di micro-sensori non è così immediato ma nell'era dei chip sottopelle e degli algoritmi predittivi ci può stare di tutto. Figuriamoci una t-shirt farcita di tecnologia invisibile che, per l'appunto, permette di accumulare energia elettrica da destinare alla ricarica di smartphone, smartwatch e altri piccoli gadget tech, sfruttando il movimento e il sudore del nostro corpo.

Loading...

Il prototipo di questa maglietta decisamente sui generis l'hanno sviluppato, un anno fa, alcuni ingegneri specializzati in nanotecnologie dell'Università della California di San Diego ed è basato su componenti flessibili (celle a biocarburante e super condensatori) che possono essere serigrafati sui tessuti. Lo stesso team di scienziati ha partorito anche un altro device indossabile, simile a un cerottino da applicare sul polpastrello, che produce energia dalla punta delle dita a partire dalla sudorazione della pelle e da movimenti anche impercettibili. È questo il futuro della ricarica sostenibile dei nostri amati “companion” elettronici?

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti