ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLa giornata dei mercati

L'«energy crunch» fa meno paura alle Borse. Wall Street corre e aspetta dati sul lavoro

La Russia è disponibile ad aumentare le forniture di gas naturale all'Europa. Attesa per possibile incontro Biden-Xi Jinping

di Andrea Fontana e Eleonora Micheli

La Borsa, gli indici del 7 ottobre 2021

4' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Chiusura in netto rialzo per le Borse europee, che così hanno recuperato la performance negativa della vigilia. Il FTSE MIB ha sfiorato i 26mila punti, Madrid (IBEX 35) e Amsterdam (AEX) sono state le migliori.
Gli indici del Vecchio Continente hanno seguito l’andamento del mercato Usa, già in ripresa nella seduta di mercoledì 6, dopo le notizie rassicuranti emerse sul debito federale e in particolare su un accordo tra repubblicani e democratici che consentirà di coprire le spese pubbliche fino a dicembre, scongiurando il default. Ha contribuito al rialzo la netta frenata dei prezzi dell'energia, grazie alla disponibilità della Russia di aumentare le forniture di gas naturale all'Europa: le quotazioni del gas sono tornate sotto i 100 dollari al megawattora in Europa, il petrolio è stato volatile nel corso della giornata.

Wall Street corre: più lontano default bilancio federale

Anche Wall Street corre. I repubblicani Usa hanno offerto un'estensione del limite del debito federale limitata al breve periodo per coprire le spese fino a dicembre ed evitare per ora il default. Poco prima, il presidente Joe Biden aveva sottolineato che "il mancato aumento del limite del debito danneggerebbe gli Stati Uniti" e che "i mercati sono nervosi". Il default, aveva poi detto la segretaria al Tesoro, Janet Yellen, sarebbe "catastrofico". Il presidente e la ministra hanno incontrato alla Casa Bianca i manager di alcune delle banche e delle imprese più importanti del Paese, per spiegare quali sarebbero gli effetti di un default, nella speranza di mettere maggiore pressione sui repubblicani.

Loading...
Andamento Piazza Affari FTSE Mib
Loading...

A Milano bene le utility, deboli Saipem e Eni

A Piazza Affari si sono distinte le Buzzi Unicem e le Stellantis, segno del ritorno sui titoli ciclici che anche nel resto d'Europa ha visto prevalere gli acquisti su auto e costruzioni.Il recupero delle azioni del gruppo nato dall'alleanza Fiat Chrysler-Peugeot ha spinto in alto anche le quotazioni di Exor. Enel, dopo la recente debolezza, beneficiato delle indiscrezioni di stampa sulle imminenti mosse del Governo spagnolo per contenere il caro-bollette, che dovrebbero rivedere le precedenti misure poco favorevole alle società del settore. Hanno rialzato la testa i titoli del lusso, mentre hanno battuto la fiacca i petroliferi dopo la corsa delle ultime settimane. In flessione Saipem e Eni con la flessione dei prezzi del greggio. Eni ha avviato l'iter di quotazione in Borsa del business che integra retail gas&power e rinnovabili con l'obiettivo di sbarcare sul listino nel 2022. Bene il settore del risparmio gestito dopo la pubblicazione dei dati della raccolta di settembre di Banca Generali, Banca Mediolanum e Azimut.

Il dollaro prende fiato, euro in area 1,156

L'euro si è riportato in area 1,156 dollari in attesa dei dati sull'occupazione Usa di settembre che saranno diffusi venerdì 8 ottobre. L'ottimismo sul tema del debito Usa ha riportato gli acquisti sulla moneta unica europea facendo salire il rapporto di cambio rispetto a quanto avvenuto nei giorni scorsi. «L'incertezza generata dall'impasse politica, che alla fine avrebbe potuto portare gli Stati Uniti a non rispettare i propri impegni finanziari, aveva stimolato la domanda per il dollaro nelle ultime sedute, grazie al suo status di rifugio sicuro», dicono gli analisti di ActivTrades. Tuttavia, «le prospettive per la valuta americana rimangono rialziste con l'inflazione in aumento e le aspettative che il rapporto sull'occupazione confermerà una ripresa nel mercato del lavoro, consentendo così alla Fed di iniziare il tapering prima della fine dell'anno», aggiungono.

Lavoro Usa, calano le richieste di sussidio

A fare da antipasto ai dati Usa sul mercato del lavoro, che sarà diffuso venerdì 8 ottobre, sono arrivate due statistiche entrambe migliori delle previsioni: secondo il rapporto mensile redatto da Macroeconomics Advisers e da Automatic Data Processing, l'agenzia che si occupa di preparare le buste paga, lo scorso mese sono stati creati 568.000 posti di lavoro nel settore privato rispetto ad agosto, mentre le stime erano per la creazione di 425.000 posti di lavoro; nella settimana terminata il 2 ottobre il numero dei lavoratori americani che per la prima volta hanno richiesto i sussidi di disoccupazione è diminuito di 38.000 unità a 326.000, secondo quanto riportato dal dipartimento del Lavoro, a fronte di attese per 345.000.

Putin rassicura sul gas, prezzi sotto 100 MWh

Ripiegano i prezzi del gas europeo che, dopo esser arrivato a guadagnare il 40%, ha invertito la rotta arrivando a perdere quasi il 20%, dopo le rassicurazioni Putin sulle esportazioni russe. «Tali parole potrebbero essere anche un invito indiretto a velocizzare l’approvazione del Nord Stream 2 da parte di Germania e Commissione Europea - dicono gli analisti di Mps Capital Services - segnalando la capacità e la volontà russa per aumentare i quantitativi». Le quotazioni del gas europeo sono finite sotto i 100 euro per megawattora. Le prese di profitto arrivate sul gas e la seconda settimana consecutiva di forte rialzo delle scorte ufficiali Usa hanno impattato inizialmente anche sul petrolio, che poi ha recuperato con il Wti novembre sopra 78 dollari al barile e il Brent dicembre a 82 dollari al barile.

Sollievo anche sui titoli di Stato, BTp 10 anni rende 0,85%

L'allentamento della tensione sui mercati finanziari si riflette anche sull'andamento dei titoli di Stato che tornano a salire facendo così contrarre i rendimenti. Scende il rendimento del BTp decennale italiano, che è indicato allo 0,85% dallo 0,89% del riferimento della vigilia.Il differenziale di rendimento tra il BTp decennale benchmark (IT0005436693) e il pari scadenza tedesco torna a 102 punti base, in flessione rispetto ai 106 punti del closing di martedì.

Mercati, per saperne di più

I podcast con i dati e le analisi

Cosa sta accadendo alle Borse, qual è stato il fatto chiave della settimana? Andrea Franceschi, insieme ai colleghi della redazione Finanza e Risparmio, cura ogni settimana “Market mover”, un podcast disponibile su tutte le piattaforme ogni sabato mattina. Ascolta il podcast Market mover
Ogni giorno alle 18 puoi avere il punto sulla chiusura delle Borse europee con il podcast automatico creato con AI Anchor

La Borsa oggi in video

La redazione di Radiocor cura ogni giorno - dal lunedì al venerdì - un video con i dati fondamentali della giornata della Borsa di Milano, l’andamento dell’indice, un’analisi dei titoli in maggiore evidenza. Guarda i video

Le notizie per approfondire

Gli approfondimenti delle notizie di Finanza e Risparmio sono l’elemento distintivo di Mercati+, la sezione premium del Sole 24 Ore. Qui per scoprire come funziona e i servizi che offre.
Per gli aggiornamenti dei dati delle Borse ecco la sezione Mercati mentre per le notizie in tempo reale il rullo della sezione di Radiocor .
Infine, ecco la newsletter settimanale Market Mover

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti