M&A

Le borse Lancel dal colosso Richemont all’italiana Piquadro

di Giulia Crivelli


default onloading pic

2' di lettura

Non capita spesso che un’azienda italiana della moda compri un marchio francese. Ancora più raro che a farlo sia un gruppo relativamente giovane, come Piquadro, fondato a Bologna nel 1987, e che la “preda” sia un’iconica maison con 176 anni di storia, ceduta dal colosso del lusso Richemont. È appena successo, però: l’azienda bolognese guidata da Marco Palmieri, quotata alla Borsa di Milano dal 2007 e con un fatturato 2017-18 che ha sfiorato i 100 milioni, ha annunciato l’acquisizione di Lancel, nata nel 1876 a Parigi e famosa nel mondo per le sue borse.

«La maison ci interessava perché è complementare ai nostri due altri marchi, Piquadro e The Bridge: l’obiettivo è costruire un polo della pelletteria premium, che alcuni chiamano lusso aspirazionale o accessibile». Insoliti e molto favorevoli a Piquadro i termini dell’operazione: come prezzo per l’acquisizione, Richemont riceverà una quota degli utili realizzati dal gruppo Lancel nei prossimi dieci anni e la quota complessiva non potrà eccedere i 35 milioni. «Non solo: Lancel ha una posizione finanziaria netta di 41 milioni, che useremo per rilanciare la maison a livello globale, preservandone il Dna e lo stile francese», sottolinea Palmieri, che sarà presidente di Lancel ma lascerà il ruolo di amministratore delegato a un manager italiano con una lunga esperienza in aziende di moda, anche francesi.

Lancel ha chiuso l’esercizio 2017-2018 al 31 marzo con un fatturato di circa 53 milioni e un ebitda negativo di 23 milioni, ma il patrimonio netto è stimato in 36 milioni. «La strategia è simile a quella che ci ha permesso, in poco più di un anno, di risanare The Bridge, maison fiorentina con un grande know how artigianale – conclude Palmieri –. La forza di un marchio è la sua storia, ma per essere competitivi a livello globale occorre coniugare artigianalità ed efficienza, progettazione e time-to-market. Offriamo a Lancel la nostra esperienza in questi campi: non siamo né speculatori né finanzieri, ma imprenditori innamorati della creatività, ovunque questa nasca».

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...