cybersecurity

Le cinque regole da seguire per un Black Friday in sicurezza. La guida

I criminali informatici in che modo possono truffarci durante gli acquisti del Black Friday? E cosa possiamo fare per difenderci?

di Giancarlo Calzetta


default onloading pic
(Fotogramma)

3' di lettura

Non c'è più il Black Friday di una volta e, in realtà, quello vero in Italia non l'abbiamo mai visto. In origine, infatti, il Black Friday era un solo venerdì durante il quale i cittadini americani correvano nei negozi per approfittare di una giornata “eccezionale” di saldi pensata per risparmiare qualcosa sui regali di Natale. Ai tempi, però, qui in Italia questa pratica era sconosciuta ed è arrivata a rimorchio del Cyber Monday: la replica per i negozi Web che si teneva il lunedì successivo. Adesso, il Black Friday, che tradizionalmente era l'ultimo venerdì di novembre, dura diverse settimane e parte poco dopo la metà del mese, creando una frenesia all'acquisto della quale i criminali informatici cercano di trarre vantaggio. Ma in che modo? E cosa possiamo fare per difenderci? Questi cinque passi ci raccontano tutto.

1. Lo strumento principe è sempre la truffa via e-mail
Le truffe relative sul Black Friday arrivano per lo più via e-mail. I criminali preparano delle finte newsletter di negozi famosi sulle quali riportano dei prodotti di marca venduti a prezzi convenienti. I link contenuti nel messaggio, però, non portano al sito originale, ma a una copia imbastita dai criminali per l'occasione. Per questo è il caso di non cliccare mai sui link presenti nelle newsletter e andare, invece, a cercare il prodotto direttamente sul sito.

2. Se è troppo bello per essere vero… è una truffa
Una truffa classica, che spesso giunge via email, ma che altrettanto spesso si propaga come semplice banner pubblicitario su siti sicuri e affidabili, è quella del sito di e-commerce completamente fasullo. In pratica, mentre si naviga si vede un banner con un prodotto molto interessante a un prezzo solitamente stracciato. Se ci clicca sull'offerta, si arriva su di un sito di e-commerce all'apparenza normale, con in vista di solito anche molti marchi che ne certificano qualità e affidabilità. Dopo aver piazzato l'ordine e aver pagato con carta di credito, però, non riceveremo mai quanto acquistato perché non esiste alcuna procedura di spedizione. Dopo qualche settimana, il sito sparirà nel nulla insieme ai soldi di chi si è fidato.

3. Non comprate su reti Wi-Fi non sicure
Il moltiplicarsi delle offerte “a tempo” durante il Black Friday porta molte persone a fare acquisti nei momenti più disparati, sfruttando qualsiasi connessione abbiano sottomano nel momento della necessità. Purtroppo, le reti Wi-Fi pubbliche non sono un mezzo affidabile per far circolare le nostre credenziali di accesso o i dati di pagamento. Nonostante la situazione della loro sicurezza sia migliorata molto, è ancora ragionevolmente facile intromettersi o spiare le connessioni di chi usa reti senza fili di negozi, bar, ristoranti e simili. Evitate di usarle per compiere operazioni delicate o, se proprio dovete, ricorrete alla connessione dati mobile che seppur non invulnerabile è almeno più complessa da violare.

4. Non usate la vostra carta di credito, ma carte prepagate o, meglio, a uso singolo
Una precauzione ragionevolmente semplice da usare, ma molto sottovalutata, è quella di usare una carta di credito prepagata o di richiedere presso la nostra banca dei numeri di carta di credito “a uso singolo”. In questo modo, se anche i nostri dati dovessero finire in mano a dei delinquenti, il danno economico sarebbe circoscritto all'ammontare della vendita o a quanto caricato.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...