ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùIndustria

Le esportazioni sostengono il mercato delle macchine agricole made in Italy

Fra gennaio e luglio export cresciuto del 10,45% in valore a fronte del -2,5% in quantità - A BolognaFiere apre Eima International, il Salone mondiale della meccanica agricola

di Ilaria Vesentini

Gli operatori a confronto da oggi a BolognaFiere in occasione di Eima

3' di lettura

Chiuderà con ricavi per 14,2 miliardi di euro il bilancio 2022 dei costruttori italiani di macchine agricole, con un aumento del +3,7% rispetto alla già straordinaria annata 2021, nonostante la flessione dei volumi venduti nei principali mercati di riferimento (-6%), le difficoltà delle fabbriche a reggere i ritmi della domanda – tra impennata dei costi e difficoltà di approvvigionamento – e la minore capacità di investimento delle imprese agricole, zavorrate a loro volta dai prezzi di energia, seminativi.

Apre il Salone mondiale della meccanica agricola

È questo il quadro di un “Made in Italy” d’eccellenza che sfida americani e tedeschi nella leadership mondiale per le tecnologie agricole, presentato ieri da Alessandro Malavolti, presidente di Federunacoma, alla vigilia di Eima International. Il Salone mondiale della meccanica agricola che fino al 13 novembre riempirà 128mila metri quadrati dei padiglioni di BolognaFiere, con oltre 1.500 case costruttrici presenti, 480 delle quali estere in rappresentanza di 40 Paesi, e l’attesa di superare i 300mila visitatori, attesi da 160 Paesi. Numeri che riportano alle migliori performance pre-Covid questa 45esima edizione di Eima, «la più bella università sulla tecnologia in agricoltura», rimarca il numero uno di una filiera manifatturiera, capitanata dalle 300 imprese associate a Federunacoma, che dà lavoro a 2mila imprese e 130mila addetti con l’indotto ed esporta oltre i due terzi dei propri volumi.

Loading...

La domanda estera

È proprio l’export il volàno delle buone prospettive che gli imprenditori vedono, pur di fronte ai segni meno che costellano le statistiche su immatricolazioni di trattori, mietitrebbiatrici, rimorchi, sollevatori non solo in Italia, ma in Europa, negli Usa, in India e alle preoccupazioni per costi energetici, inflazione, politiche restrittive: nei sette mesi gennaio-luglio 2022, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, le esportazioni italiane di agromeccanica sono aumentate del 10,4% in valore, a fronte di una riduzione in quantità del 2,5% (in particolare, le trattrici segnano un +2% in valore con un calo del 20% del numero di unità esportate). «Una dinamica che si spiega non tanto per l’aumento dei listini, che c’è stato perché abbiamo dovuto scaricare parte dei maggiori oneri sostenuti in produzione – spiega Malavolti – ma perché abbiamo venduto macchine più sofisticate, più grandi, per l’agricoltura 4.0, quindi di maggior valore. E restiamo ottimisti per il futuro perché come costruttori italiani abbiamo un forte vantaggio competitivo rispetto ai competitor: la specializzazione nell’agricoltura di precisione, che pur rappresentando la quota minore delle colture, genera circa lo stesso valore aggiunto dei seminativi e crescere a ritmo molto più sostenuto».

D’altro canto, con una popolazione che aumenterà di un miliardo di persone nei prossimi dieci anni il fabbisogno alimentare è destinato a crescere: si stima un incremento del 17% della produzione agricola a livello mondiale. E saranno proprio le tecnologie a fare la differenza in termini di redditività e sostenibilità delle colture. «I dati di Export Planning sul commercio mondiale delle macchine agricole - precisa Malavolti - indicano una crescita attesa del 5,7% tra il 2023 e il 2026 così come il mercato agricolo interno sta dimostrando una buona capacità di tenuta in questo difficile contesto, grazie anche a un sistema di incentivi all’acquisto che incide in modo significativo e va garantito».

Il 7° censimento agricolo di Istat conferma infine una sempre maggiore propensione degli agricoltori italiani a investire in tecnologie di nuova generazione: su 1,1 milioni di aziende agricole presenti in Italia, più del 10% ha introdotto innovazioni rilevanti negli ultimi anni, perlopiù proprio sulla meccanizzazione.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti