Auto, moto e mobilità: novità e scenari

Concept car

Le forme dell’auto super connessa del futuro

di Alfonso Rizzo


default onloading pic

3' di lettura

Che sia per verificare nuove opportunità di stile esterno o architetture d’interno, nuove motorizzazioni o sistemi di assistenza alla guida, i designer dalla mobilità elettrica, autonoma e connessa del futuro devono sperimentare. Complici i costi sempre più contenuti grazie alle tecnologie di progettazione (realtà virtuale/aumentata) e di realizzazione (stampanti 3D), i prototipi permettono di testare soluzioni inedite e adattamenti di vecchi successi a nuove esigenze.

Tra le novità più interessanti presentate di recente spiccano alcune soluzioni come le portiere scorrevoli anteriori e posteriori senza montante centrale e interni totalmente digitalizzati dalla ID. Roomzz, prototipo di suv della nuova famiglia 100% elettrica di Volkswagen. Sviluppato sulla piattaforma modulare meb e dotata dei sistemi di guida autonoma di 4° livello IQ.Drive, la ID. Roomzz monta comunque un volante a scomparsa e vanta due motori elettrici da 306 cv alimentati da un pacco batterie da 82 kWh. La potenza massima di ricarica supporta i 150 kW (ricarica dell’80% in mezz’ora) e l’autonomia di 450 km (Wltp).

Come su alcune famose supercar, le quattro porte della Kia Habanero si aprono invece verso l’alto, anche se questo crossover compatto dal design innovativo è più adatto all’off-road come lasciano intuire alcuni dettagli estetici. Sensibile grazie all’intelligenza artificiale, adatta le condizioni di vita a bordo all’umore dei passeggeri e guida in modalità autonoma di livello 5 (il massimo della tabella Sae) anche per 480 km filati, senza emissioni locali.

Mille i chilometri di autonomia (250 dei quali in modalità 100% elettrica) per la Concept Austro Daimler Bergmeister Adr630 Shooting Grand, una sportiva due posti che abbina le linee da GT e Shooting Brake realizzata da Roland Stagl e svelata a Villa d’Este. Con una massa di soli 1.650 kg, i due motori elettrici la fanno scattare da 0 a 100 km/h in soli 2”5.

Led inseriti vicino alle grandi ruote da 23” e nelle parti più alte della vettura per poter proiettare sull’asfalto dei messaggi a 360 gradi sono una delle novità introdotte dall’Audi Concept AI:me. Intelligenza artificiale e machine learning governano l’esperienza di vita a bordo e l’interfaccia uomo-macchina prevede il tracciamento dello sguardo, comandi a voce oppure attraverso superfici tattili integrate nei pannelli delle porte. Durante la guida autonoma è possibile surfare il web con gli occhiali 3D Holoride.

Carica a induzione sia da ferma sia in movimento e proporzioni inedite per l’oggetto che celebra 100 anni di audacia e creatività Citroën. Un manifesto di una mobilità non convenzionale che mette il comfort al centro dell’esperienza di guida attiva. La 19_19 Concept è dotata di un sistema predittivo e proattivo che anticipa le esigenze di ciascun passeggero, assistito da un Personal Assistant capace anche di guidare autonomamente. Vero salotto viaggiante, con la sua alimentazione 100% elettrica amplifica il comfort fino a 800 km di percorrenza con un pieno di elettroni. Si può ricaricare a induzione sia da ferma che in movimento.

Linee originali, ma motori tradizionali per la one-off Bugatti La Voiture Noire, per la Ares Design Panther ProgettoUno Coupé, la Porsche 917 Concept e la Lamborghini Huracán Sterrato Concept. La prima adotta lo stesso motore W16 quadriturbo da 1.500 cv della Chiron e celebra il 110° anniversario del marchio francese rendendo omaggio alla Type 57 SC Atlantic. La Ares monta un motore V10 di 5,2 litri da 650 cv derivato dalla Huracán e riprende le linee classiche della DeTomaso Pantera del 1970. La Porsche festeggia due anniversari: 50 anni della 917 e 10 anni del Museo. La Sterrato esalta la guida off-road unendo la potenza della Huracán Evo (640 cv) alla versatilità del suv Urus con un’altezza da terra aumentata di 47 mm. Il sistema Ldvi(Lamborghini Dinamica Veicolo Integrata) appositamente calibrato per la guida off-road e su superfici a scarsa aderenza permette di sfruttare tutta la motricità in accelerazione.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti