Tecnologia

Le informazioni dei satelliti Sentinel saranno conservate da Exprivia

La società barese si è aggiudicata la gara pubblica internazionale bandita dall'Esa, anche grazie alla partnership con Sony

di Vincenzo Rutigliano

2' di lettura

BARI - Le informazioni sullo stato di salute della Terra - inquinamento, cambiamenti climatici, ecosistemi, mappature - saranno conservati per 100 anni negli archivi di Exprivia, multinazionale Ict quotata nel mercato Mta di Borsa italiana. La società barese si è aggiudicata la gara pubblica internazionale bandita dall'Esa (Agenzia Spaziale Europea) per l'archiviazione - per la prima volta a cura di una società esterna - dei dati provenienti dalle coppie di satelliti “Sentinel 1, 2 e 3” che monitorano il globo.

Commessa da 2 milioni di euro

In partnership con Sony, il gruppo Exprivia, che conta circa 2.400 professionisti distribuiti in 7 paesi nel mondo, conserverà - grazie al sistema Long term data archive service (Lta) - le informazioni trasmesse dai satelliti che monitorano l'ambiente terrestre e marino, le superfici terrestri e i loro movimenti.

Loading...

Il servizio di archiviazione - valore della commessa 2 milioni di euro - impegnerà Exprivia per 18 mesi, l'Esa potrà rinnovarlo ogni 12, e la società barese non dovrà solo conservare tempestivamente le informazioni raccolte, ma anche monitorare periodicamente la loro accessibilità.

Archiviazione a lungo termine

«I dati grezzi acquisiti dai satelliti – dichiara Roberto Medri di Exprivia - sono la base di tutte le informazioni provenienti dal nostro pianeta e sono un patrimonio di fondamentale importanza». La soluzione ideata da Exprivia utilizzerà, per la prima volta in Europa, i nuovi supporti ottici Oda Gen3, la terza generazione della tecnologia Optical Disc Archive di Sony, che consente l'archiviazione a lungo termine per l'immagazzinamento dei Big Data.

Verrà così conservata, per i prossimi 100 anni, un'immensa quantità di informazioni (più di 8 Peta Bytes a fine 2021) che, una volta processati, saranno disponibili gratuitamente per cittadini, enti pubblici e privati, istituti di ricerca, autorità militari o governative, e imprese autorizzate che ne faranno richiesta. Questa stessa tecnologia diventa ora disponibile anche per altri contesti nel mondo It per la tutela di banche dati di settori diversi (industria, sanità, pubblica amministrazione, banche).

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti