PROFESSIONI

Le linee guida per riaprire in sicurezza gli studi professionali

Le azioni da mettere in campo, dalla sanificazione alla corretta informazione del personale, dagli strumenti di protezione individuale alla gestione degli spazi

di Federica Micardi

default onloading pic
(littlewolf1989 - stock.adobe.com)

Le azioni da mettere in campo, dalla sanificazione alla corretta informazione del personale, dagli strumenti di protezione individuale alla gestione degli spazi


2' di lettura

Come garantire la sicurezza negli studi professionali ai tempi del Covid-19? Il tema è stato affrontato in un confronto tra Governo e parti social per la formazione di un protocollo d'intesa. Alla luce di questo incontro Confprofessioni ha deciso di fornire delle linee guida per l'applicazione dei contenuti del Protocollo per gli studi professionali operativi nelle aree economica, tecnica e giuridica che richiedono gli stessi accorgimenti perché presentano i medesimi profili di rischio.
Vediamo quali sono le principali azioni che i professionisti devono mettere in campo per garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori nel luogo di lavoro ed ottemperare alle misure previste dall'Autorità.

Le linee guida di Confprofessioni

Visualizza

Il documento sintetizza dodici punti su cui concentrare le attenzioni.
1-Informazione
2-Modalità di ingresso in studio
3-Modalità di accesso di clienti, fornitori e visitatori esterni
4-Pulizia e sanificazione dello studio
5-Precauzioni igieniche personali
6-Dispositivi di protezione individuali
7-Gestione spazi comuni (distributori bevande e snack, aree fumatori etc…)
8-Organizzazione del lavoro
9-Gestione entrata e uscita dei dipendenti
10-Spostamenti interni, riunioni, eventi interni e formazione
11-Gestione di una persona sintomatica in studio
12-Sorveglianza sanitaria, medico competente/RLS

Si tratta di regole che in questi mesi di lockdown abbiamo imparato a conoscere anche troppo. Negli ambienti è necessario garantire il rispetto delle distanze, l'uso di dispositivi di protezione individuale come mascherine e guanti, utilizzare gli spazi per evitare assembramenti, quindi ad esempio differenziare - quando possibile - la porta di entrata da quella di uscita, sanificazione degli ambienti e delle postazioni di lavoro, rilevazione della temperatura per chi accede.

Il documento spiega anche in cosa consiste il test sierologico, quali risultati può dare e il loro significato.

Per approfondire

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti