le manovre degli altri

Le manovre degli altri: Germania, Francia e Spagna convergono verso il pareggio di bilancio

di Riccardo Sorrentino


default onloading pic
I commissari Ue Valdis Dombrovskis e Pierre Moscovici

3' di lettura

In ordine sparso, ciascuno con la sua politica. Con un unica forma di coordinamento: il rientro nel medio periodo verso il pareggio, in questa fase di ripresa dell’economia, per coordinare le politiche fiscali.

La Germania riduce il surplus
La manovra tedesca ha come obiettivo la riduzione del surplus di bilancio, senza per questo finire in deficit. La manovra sarà realizzata attraverso una riduzione delle entrate dello 0,2% del Pil nel 2019 (che passerà allo 0,5% nel 2021 e 2022) - sarà ridotto il carico fiscale sulle fasce più povere e di medio reddito - insieme a un aumento delle spese: +0,4% del pil per quelle correnti, + 0,2% per le spese di investimento (con una particolare attenzione al capitale umano). Tra 2018 e 2022, l’avanzo di bilancio sarà ridotto di quattro punti percentuali: nell’immediato è previsto passi dall’1,5% di quest’anno all’1% dell’anno prossimo.

Debito sotto il 60%
Con una crescita del pil reale prevista all’1,8% quest’anno e il prossimo, e una nominale (rilevante per deficit e debiti) rispettivamente del 3,5% e del 3,8%, il debito pubblico scenderà a fine 2019 al 58%, al di sotto del tetto, ormai quasi solo nominale, di Maastricht. La pressione fiscale resterà comunque invariata al 40,5%. Le previsioni indicano per l’anno prossimo un rallentamento degli investimenti in capitale fisso e, per la gioia di coloro che criticano la Germania “mercantilista”, un’accelerazione delle importazioni (al 4,9%) che resteranno quindi più veloci delle esportazioni (+3,7%).

Salari in aumento
La produttività del lavoro per persona dovrebbe salire dello 0,9% mentre le retribuzioni del 3,1%. Il governo Merkel prende quindi sul serio le raccomandazioni dell’Unione europea che le impongono di sostenere gli investimenti pubblici e privati e di promuovere la crescita delle retribuzioni.

Il deficit mascherato della Francia
La Francia peggiora il suo deficit: dal 2,6% del pil, al 2,8%. È un incremento che “maschera” però un progressivo avvicinamento al pareggio di bilancio. L’anno prossimo il governo francese rimborserà alcuni crediti d’imposta (già presenti, come attivi, nel bilanci delle imprese) e li trasformerà in detrazioni fiscali: in un anno solo le stesse facilitazioni di imposta avranno effetto doppio sul bilancio pubblico.

Pareggio in vista nel 2022
Senza questa duplicazione, il deficit francese sarebbe pari all’1,9% e si prevede raggiunga lo 0,3% nel 2022, anno elettorale. La pressione fiscale non a caso passerà l’anno prossimo dal 45% al 44,2%, con il quasi azzeramento delle imposte sulle case, e un taglio delle spese, attraverso soprattutto il taglio di 4.164 posti pubblici, parte di un piano di riduzione di 50mila posizioni in cinque anni.

Investimenti in capitale umano
La manovra prosegue l’applicazione del Grande piano di investimenti, con una particolare attenzione (2,5 miliardi) al capitale umano, come è più indicato per un’economia avanzata, oltre che alla transizione energetica verso le energie pulite e il risparmio energetico (anche attraverso ristrutturazioni edilizie).

Più deficit per la Spagna
La Spagna ha effettivamente ottenuto di modificare gli obiettivi di bilancio. Dopo deficit del 2,2% del pil previsto per fine anno - un ritorno sotto la soglia del 3% - avrebbe dovuto passare rapidamente all’1,3% l’anno prossimo e allo 0,5% nel 2020 . Dalla Commissione Ue ha però ottenuto la possibilità di rallentare questo percorso, anche se il disavanzo scenderà in ogni caso: dal 2,2% si passerà quindi all’1,8% l’anno prossimo, per poi passare all’1,1% nel 2020 e allo 0,4% nel 2021. In sostanza, la marcia verso il pareggio è stata prolungata di un anno.

Più spese sociali, meno investimenti
Non è detto però che il governo Sanchez, di minoranza, ottenga il via libera dall’opposizione dei Popolari; non è escluso quindi il ritorno ai precedenti obiettivi. La pressione fiscale è infatti prevista in leggero aumento, dal 34,93% al 35,54% per l’introduzione e l’incremento di diverse imposte (+5,7 miliardi). Tutte le voci di spesa sono però state tagliate - anche quelle per investimenti - con l’eccezione di un marginale incremento per i trasferimento sociali. La riduzione del deficit potrebbe in ogni caso far calare l’indebitamento al 95,5% del pil.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...