il brent risale a 75 dollari

Le minacce di sanzioni Usa mandano a picco l’export di petrolio dall’Iran

di Sissi Bellomo


default onloading pic
(Ansa)

2' di lettura

A poco più di due mesi dall’entrata in vigore delle sanzioni Usa, le esportazioni di petrolio dall’Iran stanno crollando. Nella prima metà di agosto, secondo stime preliminari di Platts, Teheran ha inviato all’estero 1,68 milioni di barili al giorno tra greggio e condensati, una riduzione di quasi un terzo rispetto a luglio, quando aveva esportato 2,32 mbg in media. È l’India in particolare a essersi tirata indietro, per il timore di incorrere nelle sanzioni secondarie minacciate da Washington: le sue importazioni si sono ridotte a poco più di 200mila bg, dagli oltre 700mila bg del mese precedente.

Tengono invece gli acquisti della Cina, che secondo indiscrezioni di stampa si sarebbe accordata per utilizzare navi iraniane. I clienti europei a sorpresa hanno invece riportato l’import ai livelli abituali (631.814 bg, dopo la caduta a 465.450 bg in luglio).

L’allarme Iran ha contribuito a rilanciare le quotazioni del greggio, anche perché Teheran ha minacciato di colpire obiettivi negli Stati Uniti e in Israele dopo che il consigliere alla sicurezza John Bolton ha promesso che gli Usa eserciteranno la «massima pressione» sulla Repubblica islamica, eventualmente spingendosi oltre le sanzioni economiche.

Nella seduta di ieri il barile si è apprezzato del 3% e il prezzo del Brent è tornato a sfiorare 75 dollari. Il Wti ha invece chiuso a 67,86 dollari al barile.

A favorire i rialzi l’indebolimento del dollaro e un calo molto più consistente del previsto delle scorte di greggio Usa: -5,8 milioni di barili la settimana scorsa secondo l’Eia, grazie a un calo delle importazioni e all’attività delle raffinerie che continua a mantenersi molto intensa. Gli impianti sono stati utilizzati al 98,1% della capacità, un record dal 1999. Sono invece salite le scorte di carburanti: +1,2 mb le benzine e +1,8 mb i distillati.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...