la classifica dei piccoli atenei

Università, le nostre Oxford e Cambridge sono a Pisa: S. Anna e Normale nella top ten

Qui ci sono alcune condizioni vantaggiose per gli studenti che possono approfittare di classi più piccole, una relazione più stretta con i docenti e anche un senso di appartenenza a una comunità che nei mega atenei è difficile da vivere

di Marzio Bartoloni


default onloading pic

2' di lettura

In questa classifica non ci sono solo i soliti college americani o quelli d’Oltremanica. A svettare rispettivamente al quarto e quinto posto nel ranking mondiale delle piccole università - quelle con meno di 5mila studenti - ci sono due piccoli gioielli accademici italiani. Tutte e due di casa a Pisa. Sono il Sant’Anna e la Normale, le nostre Oxford e Cambridge d’Italia. Mentre al diciannovesimo posto c’è l’università di Bolzano.

Nuti (Sant'Anna): sostenibilità elemento chiave nostra strategia - GUARDA IL VIDEO

La classifica delle migliori piccole università al mondo è stata appena pubblicata dal Times Higher Education, uno degli osservatori più prestigiosi nel pianeta sempre più affollato (e contestato) dei ranking . Una classifica che oltre alla dimensione degli iscritti tiene conto anche dell'impegno in termini di didattica e ricerca speciale. Il loro punto di forza sta nel fatto che in realtà accademiche piccole ci sono alcune condizioni vantaggiose per gli studenti che possono approfittare di classi più piccole, una relazione più stretta con i docenti e anche un senso di appartenenza a una comunità che nei mega atenei è difficile da vivere. Il ranking, come spiega la stessa Times Higher Education, considera le università con meno di 5mila iscritti che sono già entrate a far parte del Times Higher Education's World University Rankings 2019, che riunisce le università che raggiungono i risultati più brillanti in termini di didattica e produttività scientifica. Fra queste, la selezione ulteriore viene fatta sulla base giudizi espressi dagli studenti.

La classifica di quest’anno vede al vertice, come nel 2018, il Caltech: l’istituto di tecnologia della California (quinto nella classifica assoluta di tutte le università) che vanta 34 premi Nobel tra i suoi laureati. Al secondo posto il Politecnico di Parigi e al terzo la Pohang university di scienze e tecnologie della Corea del Sud. Al quarto posto come detto c’è il Sant’Anna di Pisa che conta poco più di mille studenti (tra i suoi ex ci sono stati l’ex premier Giuliano e il neuroscienziato Giuliano Tononi). Per accedere a questo collegio dove gli studenti non hanno spese bisogna superare un esame molto selettivo. Al quinto posto c’è sempre Pisa con la storica Normale che tra i suoi ex studenti conta il poeta Giosuè Carducci, il premio Nobel Rubbia, il fisico Enrico Fermi e l’ex presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Chiudono la top ten l’università di Lussemburgo, la Normale di Lione, l’Istituto di scienze e tecnologie di Ulsan (Corea del Sud), l’Ecole des Pont di ParisTech e la Jacobs university in Germania.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...