sostenibilità

Le patatine Pringles investono sul green: nuovo «tubo» in carta riciclata

Partiti i test di vendita nel Regno Unito. In 10 anni abbattute le emissioni di CO2 e consumo di acqua rispettivamente del 16 e del 18%

di Silvia Marzialetti

default onloading pic

Partiti i test di vendita nel Regno Unito. In 10 anni abbattute le emissioni di CO2 e consumo di acqua rispettivamente del 16 e del 18%


2' di lettura

Il tubo delle Pringles si rinnova nel segno della sostenibilità. Il 9 settembre sono partiti negli store Tesco del Regno Unito i test di vendita su un nuovo pack realizzato in carta riciclata. Il percorso di Pringles sulla strada green è iniziato dieci anni fa e ha portato a un abbattimento del 18% del consumo di acqua e del 16% delle emissioni di carbonio: ora l'obiettivo di Kellogg's – che nel 2012 ha rilevato il brand dalla Procter & Gamble – è arrivare a produrre entro il 2025 confezioni interamente riutilizzabili, riciclabili, o compostabili.

Una delle criticità delle patatine prodotte ogni giorno in tre milioni di tubi (secondo la Bbc) è proprio la scarsa riciclabilità del pack, composto da pellicola, cartone, metallo e plastica. «Si tratta di materiali che rendono difficoltoso il compostaggio domestico», ammettono dall'azienda produttrice. La confezione in vendita Oltremanica è invece di carta, con coperchio in carta o plastica (entrambi facilmente riciclabili in casa)

La multinazionale Usa - primo player al mondo per la produzione di cereali e secondo nella produzione di cracker e snack - ha lavorato per dodici mesi al nuovo tubo che - oltre a garantire una svolta green - dovrà salvaguardare la tradizionale croccantezza delle patatine e tempi lunghi di conservazione.La posta in gioco è alta: l'ingegnoso tubo progettato dal chimico, Fredric Baur alla vigilia degli anni Settanta ha regalato al brand un successo planetario.

La forma cilindrica riduce al minimo la rottura degli snack contenuti all'interno - che hanno forma regolare e sono impilati uno sull'altro - e il coperchio richiudibile in plastica (lo stesso da allora) rappresenta ancora oggi un segno distintivo e aiuta il marchio a mantenere il suo posizionamento alto, perché garantisce una lunga conservazione.

Consapevole della sfida che la attende, Kellogg's ricorrerà a un'analisi high-tech del tracciamento oculare a scaffale, per sondare l'indice di gradimento visivo degli affezionati consumatori.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti