JAZZY VEGETARIAN

Le pentole più adatte per cucinare vegano

di Paola Guidi

default onloading pic
Nucu, le pentole e le teglie basse sono tutte antiaderenti senza sostanze chimiche e consentono cotture veloci ma a temperatura basse


3' di lettura

Laura Theodore, è vegetariana, anzi vegana, ed è una una star della cucina “verde” . Il suo programma Jazzy Vegetarian, cooking show più premiato negli Usa, è ripartito a inizio mese per la felicità di una platea di decine e decine di telespettatori che, di anno in anno, si dichiarano sempre più consapevoli dei rischi della dieta americana tutta intrisa di trash food. I dati parlano chiaro: il 70 % della popolazione è sovrappeso o obesa e la causa primaria, come dimostra il Center for Science in the Public Interest di Washington, è l’alimentazione scorretta.

Davanti a oltre 20 milioni di americani, il successo di Laura è dovuto al fatto che non presenta i piatti delle classiche diete vegane ma ricette decisamente invitanti, colorate, variatissime pur se esclusivamente ispirate a frutta e verdura. In tanti anni di attività la presentatrice ha infatti inventato centinaia e centinaia di varianti attingendo da specialità di tutto il mondo –soprattutto latino e mediterraneo-facendo scoprire il gusto delle spezie e delle erbe più profumate e saporite. Ma anche consigliando tecniche e attrezzi di elaborazione e cottura (veloce, soft) raffinati o “primitivi” e accettando solo sponsor in linea con le sue scelte e portatori di strumenti di cottura ecocompatibili, di qualità elevata.

Swiss Diamond, teglia-padella per 4 uova e anche per le crêpes, antiaderente senza sostanze chimiche, con particelle di vero diamante durissimo

Pepperoni Pizza e Zucchini -Lasagne
Alla domanda che i giornalisti le ripetono spesso, anche in occasione di questa nuova serie, sulle motivazioni di scelte così drasticamente vegane, Laura risponde quasi sempre che non si tratta di una dieta di sacrifici ma al contrario molto piacevole, saporita, e soprattutto facile da fare. La serie, ha un successo straordinario perché si basa sulla facilità di esecuzione, su ingredienti oggi rinvenibili in quasi tutti gli States o comunque anche on-line o a km zero e a prezzi accessibili. E soprattutto per la creatività decisamente “vivace” di Laura e dei suoi collaboratori che riescono a variare in continuazione le ricette. Ed ora, oltre ai libri e ai tutorial, Laura Theodore ha aperto da poco un ristorante vegano situato nella Sanctuary Brewing Company nel centro di Hendersonville, nella Carolina del Nord.

Buddha Bol, un classico della cucina vegetariana con una varietà eccezionale di verdure, frutti e spezie

E tra una Pepperoni Pizza, una Greek-ish Pizza, Pizza Margherita, Yummi Salads, Ultimate Jezzy Burger e l'immancabile Festive Zucchini Lasagne, passano boccali della birra artigianale vegana del birrificio che ospita il ristorante. Perché la Sanctuary Brewing Company è impegnata a valorizzare prodotti locali di qualità come le tante piccole serie di birre che stanno sostituendo quelle standardizzate industriali.

Verde, rapida, sotto i 100 gradi
“Le mie scelte sono improntate alla compassione per gli animali, al desiderio di una migliore qualità della vita -dichiara Laura- e poi di essere più responsabile nei confronti dell'ambiente”. Sponsor della settima serie un nome prestigioso, la Nucu di Vollrath, pentole e padelle che hanno una speciale superficie omogenea per una cottura uniforme (per cucinare vegetali occorrono contenitori di grande qualità), con prestazioni, materiali e una gamma professionali. La grande avanzata del cibo prevalentemente vegetariano o totalmente vegano, e comunque la ricerca di ingredienti più salubri e poco grassi, deriva dal fatto che le cooking show nate in America diversi decenni fa, sono gestiti da chef che raccomandano di continuo una cucina sana, cotture rapide che non disperdano i contenuti nutrienti e i sapori dei cibi, con un ridotto impiego di salse.

WMF, couscoussier per cucinare a vapore in tempi rapidi e senza provocare alterazioni delle vitamine dei vegetali

Ma ciò che conta per avere realmente piatti appetitosi e non insipidi, oltre alla bontà degli ingredienti, è la qualità della cottura. Non bastano le tradizionali pentole perché –regola ferrea per le verdure e i legumi-nessun tipo di vegetale regge bene a cotture lunghe e a temperature sopra i 100 gradi. Due condizioni quasi inconciliabili con le pentole convenzionali. Ecco il successo negli Usa delle collezioni speciali Nucu, di WMF, di Swiss Diamond, quest'ultima chiamata dal Wall Street Journal la Rolls Royce delle pentole e delle padelle. Questi strumenti sono in particolare raccomandati dalla potente American Vegetarian Association. Swiss Diamond per esempio è costituita da contenitori con un fondo inaderente di titanio rinforzato da particelle di vero diamante senza nessun componente chimico e di eccezionale durezza. Oltre che ad alta conduttività termica. Di WMF le couscoussières a vapore che, grazie al coperchio speciale, contribuiscono a formare un vapore ascendente che traina i pesticidi e le sostanze tossiche eventualmente presenti facendoli poi ricadere lungo la pareti esterne.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti