algoritmi fashion

Le previsioni di Vestiaire Collective: ecco i marchi nei quali investire nel 2020

La piattaforma leader per la compravendita di usato di lusso ha diffuso le stime su borse, orologi e sneaker. Cresce veloce anche la passione per il vintage


default onloading pic

3' di lettura

Algoritmi che si trasformano in fashion stylist o nei nostri migliori consiglieri per investire nello shopping: sono i dati ad aver definito quali marchi hanno avuto più successo nel 2019 sulla piattaforma di reselling di lusso Vestiaire Collective, che sempre basandosi sulle preferenze dei suoi 9 milioni di membri in 50 Paesi ha diffuso anche le stime su quali marchi e stili saranno più desiderati nel 2020.

Partiamo dall’anno appena trascorso: Gucci è stato il marchio più venduto sulla piattaforma, con una crescita del 30% rispetto al 2018, superando per numero di pezzi venduti Louis Vuitton, Prada, Dior ed Hermès. Lo scorso anno è cresciuto molto anche lo shopping di creazioni vintage, «specchio della domanda sempre crescente di pezzi unici e pezzi di archivio dei grandi designer che ora vengono reintrodotti dai brand del lusso», come si legge nella nota della piattaforma.

Nella classifica dei primi otto pezzi venduti nel 2019, il primo e ottavo posto spettano a Gucci, rispettivamente con la borsa Marmont e la Dionysus. Al secondo posto i carré da 90 cm di Hermès; al terzo la Speedy di Louis Vuitton (che si ritrova anche al sesto posto, con il modello Neverfull). Al quarto la Baguette di Fendi, al quinto la Saddle di Dior. Al settimo l’unico modello di sneaker in classifica, le Triple S Balenciaga..

Un modello di Baguette Fendi

I primi cinque brand con il tasso di crescita più veloce sono stati Ralph Lauren (+243% su base annua, in particolare con l’outerwear), Ganni (+189%, soprattutto grazie all’abbigliamento), Loro Piana (+64%), Versace (+58%) . Off-White, infine, ha registrato un aumento del 114% di nuovi depositi rispetto all’anno scorso, e il modello più venduto è stato la Binder bag.

Interessante anche la classifica delle più desiderate collaborazioni dell’anno: spicca su tutte la performance delle sneaker Nike x Sacai (+8.074% sul 2018), seguita da Moncler Genius (+1602%), Fendi x Fila (+694%), Moschino x H&M (+250%).

Nike x Sacai

Molto più di nicchia, invece, i marchi di abbigliamento che Vestiaire Collective consiglia di tenere d’occhio per il 2020: si tratta di Rhude, La Veste, A.W.A.K.E e Stand.

«Nella categoria streetwear, le Nike Dunk skater saranno una grande novità - si legge nel pronostico della piattaforma -. Stanno da poco
facendo il loro ritorno, infatti, dopo essere state avvistate di recente su Virgil Abloh e Travis Scott». Dagli anni 90 la passione “vintage” si trasferità sui 2000, ci sarà il ritorno di New Balance e Nike lancerà la riedizione delle storiche Air Max 360 del 2006.

Per gli orologi, l’interesse per Rolex è previsto in aumento, come quello per modelli di dimensioni più piccole, mentre è già evidente un calo delle vendite per quelli più grandi. E per le borse? I dati di Vc suggeriscono che i modelli più popolari da guardare nel 2020 saranno le multi Pochettes lanciate da Louis Vuitton e Prada: per quest’ultimo marchio, è da tenere d’occhio in particolare la collezione Hobo, «che sta già vendendo benissimo nel reselling, guadagnandosi un posto tra i primi cinque modelli più venduti del brand». Ma non sono da trascurare neppure Bottega Veneta e Jacquemus. (Ch.B.)

Per approfondire:
Moda «insostenibile»: cosa deve cambiare dai materiali ai modelli di business
L’economia dell’usato vale 23 miliardi di euro, grazie alla spinta del digitale

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...