ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùMaturità 2022

Le reazioni degli studenti: temi facili ma due anni di didattica a distanza pesano

Le risposte dei ragazzi al sondaggio targato Skuola.net che ha intercettato 500 maturandi all'uscita dalle prove

di Redazione Scuola

(ANSA)

3' di lettura

Un grande sospiro di sollievo: è quello che ha tirato la stragrande maggioranza degli studenti che il 22 giugno si sono seduti ai banchi di scuola per svolgere la prima prova di Maturità, quella di Italiano. La paura per il ritorno degli scritti, dopo due anni di stop, si è infatti subito dissolta alla lettura dei temi proposti. Secondo un sondaggio “a caldo” realizzato dal portale Skuola.net - interpellando 500 maturandi all'uscita dalle prove - oltre 3 su 4 si sono detti d'accordo col ministro Bianchi che, a pochi giorni dall'esame, aveva definito le tracce «bellissime». Forse perché, gli argomenti selezionati, sono risultati davvero fattibili ai più.

Le risposte

Circa 6 su 10 sostengono che sarebbero stati in grado di svolgere la maggior parte delle tracce presenti nel plico ministeriale; ben 1 su 5 addirittura tutte. Mentre il 17% ha ammesso che sapeva sviluppare solo quella scelta. Ma appena il 5% ha segnalato delle difficoltà anche nella traccia poi affrontata. E, più in generale, oltre il 90% si aspettava quantomeno uno dei sette spunti apparsi. Gli indizi che certificano l'abbordabilità delle tracce, però, non finiscono qui. Ad esempio, gli autori protagonisti delle due proposte di analisi del testo - Giovanni Pascoli e Giovanni Verga - erano nomi noti praticamente a tutti gli studenti: quasi 9 su 10 avevano affrontato diffusamente in classe durante l'ultimo anno sia l'uno che l'altro; a cui va aggiunto un 7% che almeno uno lo aveva approfondito. Peraltro, entrambi, non sono stati per nulla una sorpresa, visto che erano in testa ai pronostici dei ragazzi nel tradizionale toto-esame alla vigilia della prova. Ciò non toglie che, proprio la traccia su Pascoli è stata “votata” come la più impegnativa: così per il 30% dei maturandi. Non sorprende quindi che - secondo le rilevazioni ufficiali del MI - sia stata anche quella più snobbata, in quanto scelta da nemmeno il 3% dei candidati. Anche gli argomenti oggetto delle altre tipologie di tracce - il testo argomentativo e il tema d'attualità - non hanno spiazzato più di tanto i “diplomandi”: complessivamente, più della metà (54%) aveva parlato in classe di gran parte delle tematiche proposte; oltre un quinto (21%) di tutte quante. Più dell'80% conosceva la storia di Liliana Segre e più o meno una quota simile la figura di Giorgio Parisi, autori dei brani da cui partivano due tracce di testo argomentativo.

Loading...

Poca sorpresa

Alla fine, solo 1 su 4 è rimasto interdetto constatando che, già a una prima lettura, si è reso conto di non avere un bagaglio di conoscenze sufficiente per affrontarle. «Senza dubbio i due anni di dad si sono sentiti molto sulla preparazione perché è stato più difficile fare collegamenti con gli anni scorsi - è l'osservazione che fanno all'uscita da scuola diversi ragazzi - quest'anno è stato impegnativo ma senza dubbio ci è servito e ci è servita la continuità di lezioni in presenza».

Seconda prova scritta

Il 23 giugno si svolgerà la seconda prova scritta, diversa per ciascun indirizzo, che riguarderà una disciplina tra quelle caratterizzanti il percorso di studi. Quest'anno la prova sarà predisposta dai singoli istituti, che potranno così tenere conto di quanto effettivamente svolto dai ragazzi durante l'anno scolastico. La durata della seconda prova cambia da indirizzo a indirizzo; si va dalla prova in un unico giorno, con durata in genere di 6 ore , alla prova dei licei artistici che dura 3 giorni.

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati