Coronavirus, le ricette di 14 Paesi Ue contro la crisi economica

6/15Politica Economica

Le ricette economiche Ue contro il coronavirus / La Spagna

(REUTERS)

Il 17 marzo il governo spagnolo ha annunciato lo stanziamento fino a 200 miliardi, messi a disposizione da fondi pubblici e privati, per sostenere il sistema economico travolto dalla pandemia. In particolare, 600 milioni a andranno al finanziamento delle prestazioni sociali dei vari enti regionali (Comunidades Autónomas) e locali con particolare attenzione per l'assistenza sanitaria degli anziani e delle persone in situazione di dipendenza. Saranno garantiti i servizi pubblici essenziali (energia, acqua) e quelli relativi alle telecomunicazioni.

Sarà garantito, inoltre, il diritto all'alloggio. A questo fine è stata stabilita una moratoria nel pagamento delle rate dei mutui ipotecari a favore dei debitori in situazione di precarietà a causa del coronavirus. I lavoratori dipendenti potranno adeguare o ridurre la propria giornata lavorativa (anche fino al 100%) per far fronte ai problemi di assistenza familiare sorti dall'attuale crisi. Sarà favorito il telelavoro nei casi in cui sia possibile. È stato creato un fondo di garanzia pubblica di 100 miliardi di euro al fine di offrire al tessuto produttivo spagnolo la necessaria liquidità ed evitare l'insolvenza delle imprese.

A questo fondo si sono aggiunti altri 2 miliardi di euro a favore delle aziende esportatrici in particolare piccole e medie imprese. Trenta milioni di euro saranno destinati a due dei più importanti centri di ricerca spagnoli: “Consejo de Investigaciones Científicas” e “Instituto de Salud Carlos III”. L'obiettivo è sviluppare un vaccino.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti