Le spider

Le roadster per vivere un’estate en plein air

di Giulia Paganoni


Auto da sogno: supercar esagerate e sportive per tutti

3' di lettura

Voglia d’estate, voglia di vento tra i capelli. Il sole e il caldo fanno crescere il desiderio di andare in ferie ma anche di fare brevi gite fuori porta con un’auto che sappia far godere del panorama, dell’atmosfera estiva e del piacere di guida. È quindi il momento di tirar fuori dal garage spider, roadster e cabriolet. Non servono grandi potenze, ma solo quattro ruote in grado di regalare quel feeling di guida che ormai poche auto sono in grado di donare.

Fa parte del suo Dna e ne ha fatto un mantra: è il feeling di guida della giapponese più conosciuta al mondo, la Mx-5. Proprio quest’anno ricorrono i trent’anni della roadester più venduta del mondo, la Mx-5, conosciuta anche come Miata. Giunta alla quarta generazione, la due posti giapponese con il suo Kodo design non passa inosservata quando transita sulle strade.

Con capote o con tetto rigido (nella versione Rf), alla guida si percepisce il Jinba Ittai, l’armonia tra cavallo e cavaliere che si traduce in un feeling di guida che poche (pochissime) auto sono in grado di trasmettere. Doppia la motorizzazione e con tre step di potenza: si parte dal 1.5 litri da 131 cv su cui sono state sviluppate le serie speciali, fino al 2 litri da 160 e 184 cv. Disponibile con manuale a sei rapporti e, nella versione più potente, con l’automatico.

Ovviamente la trazione è posteriore e il peso molto limitato, circa mille chili. La sua sorella (diversa) ha accento italiano e si chiama 124 spider, un nome storico per il marchio di Torino che ha fatto sognare intere generazioni. Il pianale è lo stesso, ma esteticamente e nelle motorizzazioni le due non sono parenti. Quest’ultima monta il Multi air 1.4 litri da 140cv ed è disponibile sia con cambio manuale che con l’automatico entrambi a sei rapporti.

Passando poi alle tedesche, da poco è stata presentata la nuova generazione di Bmw Z4, la spider tedesca sorella della Toyota Supra, quest’ultima disponibile solo in versione coupé. Entrambe sono sviluppate sul pianale Clar (di Bmw) e hanno trazione posteriore. La tedesca di Monaco offre tre scelte di potenza: il 2 litri da 197 cv e da 258 cv. E per chi vuole più prestazioni è anche disponibile il sei cilindri in linea da 340 cv, questo montato anche sulla Supra.

E sempre tra le tedesche, non possono non rientrare tra i desideri a quattro ruote anche Audi TT, la piccola dei quattro anelli che monta un motore 2 litri declinato nelle potenze di 197 e 245 cv.

La risposta della Stella a tre punte si chiama Slc, la due posti cabriolet ottima per una vacanza a due e godersi i colori e i paesaggi estivi. Monta due motorizzazioni: il 1.6 litri da 156 cv o il 2 litri declinato nelle potenze di 184 e 245 cv. Per i più sportivi poi c’è anche la versione Amg con un 3 litri da 390 cv. Ma se si è sensibili al fascino del made in Usa allora va presea in considerazione la muscle car dell’Ovale Blu, la Ford Mustang.

È disponibile con il potente 5 litri da 450 cv ma anche con il più tranquillo 2.2 litri da 290 cv. Nella versione cabriolet un vero spasso guidarla sulle strade delle coste italiane. Agile nelle arrampicate in montagna ma anche snella e scattante in città è Porsche 718 Boxster, il quattro cilindri di Zuffenhausen che regala emozioni di guida e un sorriso a trentadue denti. Motore centrale 2 litri o 2.5 con rispettivamente 300 e 350 cv, quest’ultima nella versione S.

A questo punto è il momento di godersi l’estete e il caldo, ovviamente su quattro ruote e con top-down.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...