sognando la luna

Le sfide dello spazio presenti e future in Lunar city

In occasione dei 50 anni del primo sbarco sulla Luna, alla Festa del cinema di Roma arriva il docufilm che racconta le tecnologie più avanzate e l'impegno di uomini e mezzi che porteranno il genere umano a ritornare sulla Luna e conquistare lo spazio profondo


Lunar city: le sfide per la conquista dello spazio profondo

2' di lettura

«L'esplorazione ci darà la possibilità di imparare qualcosa in più su ciò che siamo, da dove veniamo, e ci farà apprezzare enormemente ciò che abbiamo. Le prime missioni Apollo erano una gara tra nazioni, mentre questa è una collaborazione tra nazioni. Solo così questo pianeta potrà riuscire a esplorare gli altri». Parola di Tracy Dyson, astronauta della Nasa.

GUARDA IL VIDEO - Lunar city: le sfide per la conquista dello spazio profondo

Le sfide presenti e future
In occasione dei 50 anni del primo sbarco sulla Luna, alla Festa del cinema di Roma arriva il docufilm Lunar City di Alessandra Bonavina, con il patrocinio e il sostegno di Asi - Agenzia spaziale italiana, in collaborazione con la Nasa e con il patrocinio dell’Ambasciata americana in Italia e del Centro studi americani . Racconta le sfide presenti e future, le tecnologie più avanzate e l'impegno di uomini e mezzi che porteranno il genere umano a ritornare sulla Luna e conquistare lo spazio profondo.

L’impresa nello spazio
«Il docufilm - spiega la regista Alessandra Bonavina - percorre passato, presente e futuro. Il passato con immagini esclusive dell’archivio della Nasa, il presente raccontando l’impresa (grandi strumenti tecnologici, uomini e mezzi a lavoro, inquadrature di assembramenti, momenti di panico e di gioia durante i test), ma soprattutto la sua preparazione. Gran parte del film mostrerà il lungo processo che serve per preparare qualcosa di grande e importante per tutta l'umanità».

Il futuro sulla Luna
Attraverso interviste alle figure chiave impegnate nelle prossime missioni lunari, il film spiega come in un futuro non così lontano con una stazione spaziale in cislunare, gli astronauti potranno partire dal pianeta Terra con una normale capsula Orion, attraccare dopo qualche giorno al Gateway e poi far rotta verso lo Spazio interplanetario a bordo del Transport.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...