Consumi

Le vendite online del largo consumo confezionato crescono del 37,5% nel 2021

Secondo l’Osservatorio Digital Fast moving consumer goods (Fmcg) presentato al Netcomm forum industries l’e-commerce traina i ricavi della Gdo

di Enrico Netti

(IMAGOECONOMICA)

1' di lettura

Le vendite online di prodotti del largo consumo confezionato nei primi nove mesi dell’anno mettono a segno un +37,5% rispetto l’intero 2020 quanto la spesa online di questa categoria ha toccato i 2,9 miliardi mandando così di poco il raddoppio sul 2019. È quanto emerge dell’Osservatorio Digital Fast moving consumer goods (Fmcg) presentato al Netcomm forum industries. Nel complesso emerge come l’e-commerce abbia un ruolo trainante sui ricavi della Gdo che nel canale fisico registra un +0,4% che con l’online tocca l’1%. Tra i best seller ci sono i prodotti alimentari premium come quelli bio, i free-from e quelli al 100% made in Italy. Un segmento che online vede quasi raddoppiare la propria quota a valore al 6,7% contro il 3,6% dei negozi tradizionali.

Sono i piccoli produttori di nicchia che ottengono le migliori performance e incrementano la loro quota di circa 10 punti, passando da un 20% offline ad un 30% online mentre le marche leader e follower continuano a mantenere la loro importanza. Per finire le insegne stanno investendo molto sulle private label la cui quota di vendite passa da un 20,6% nell’offline a un 24,5% nell’online.

Loading...
Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti