Auto

Le vocazioni da ammiraglia della Classe C

Mercedes. La nuova media si ispira alla Classe S .È la prima auto della Stella con solo motori ibridi

di Massimo Mambretti

(Daimler AG)

3' di lettura

Nessun’altra Mercedes è come lei. Infatti, la quinta generazione della classe C trasferisce forme e tecnologie della classe S nel settore delle medie ed è il primo della Stella proposto solo con motori ibridi a quattro cilindri. I mild-hybrid a benzina e a gasolio a 48 V arrivano subito, ma dietro l’angolo ci sono anche due powertrain alla spina, uno dei quali integrato da un turbodiesel. La classe C arriva con una famiglia subito formata da berline e station wagon e in tre versioni. Si tratta della 200 con il motore a benzina di 1,5 litri da 204 cavalli e della 220d e 300d con le declinazioni da 200 e 265 cavalli del turbodiesel di 2 litri. A queste potenze si affiancano i 20 cavalli messi temporaneamente a disposizione dal motore elettrico in alcune situazioni di marcia. I prezzi delle versioni berlina spaziano da 51.000 a 68.000 euro, quelli delle famigliari vanno da 52.000 a 70.000 euro.

La mutazione del best seller della Mercedes si basa sull’evoluzione del pianale della classe S. Così, sotto a lineamenti slanciati in gran parte ispirati a quelli dell’ammiraglia ci sono dimensioni superiori rispetto al passato e un abitacolo fortemente ispirato a quello della classe S, oltre che permeato dalla digitalizzazione. Il lussuoso arredamento si sviluppa attorno alla consolle centrale fluttuante costituita dal display touch verticale da 11,9” del sistema d’infotainment. La plancia sorregge il display estesamente configurabile da 12,3” della strumentazione, protraendosi verso i passeggeri ma senza penalizzare l’ampiezza dell’interno, generosa anche posteriormente. L’atmosfera hi-tech è impressa dalla latitanza di interruttori fisici, dall’affollamento di tasti tattili non sempre ben intercettabili sul nuovo volante capacitivo e dalla versione 2.0 del sistema Mbux.

Loading...

Lo standard raggiunto dalla super-intelligenza semplifica il dialogo con l’assistente virtuale e facilita la gestione dei servizi di bordo. Inoltre, porta in dote immagini tridimensionali nella strumentazione, la realtà aumentata nell’head up display e l’interazione con la domotica. Ma non è tutto perché l’Ai estende il suo raggio d’azione gestendo la sofisticata fanaleria anteriore a Led che può proiettare sulla strada potenziali situazioni di pericolo, e la nuova opzionale suite di Adas livello 3 ready.

Al volante della C220d non ci vuole molto per accorgersi dell’evoluzione generazionale della berlina media di Stoccarda. La sensazione è suscitata tanto dalla gradevolezza dell’ambiente in cui si viaggia quanto dall’equilibrato rapporto fra comportamento e temperamento. Il risultato si traduce in una guidabilità sempre gradevole. Tra le curve delle strade collinari del nostro test da Roma alla Maremma, al termine del quale abbiamo rilevato una percorrenza media di 16,5 chilometri con un litro, agilità e affidabilità hanno fatto emergere un dinamismo spigliato ben accordato al rendimento del motore. Quest’ultimo è sempre fluido e correttamente allineato alla configurazione di guida impostata, sebbene a volte influenzato dalla non rapidissima interpretazione della situazione da parte del cambio automatico a nove marce. La C220d si è rivelata confidenziale anche nella marcia a guida semi-assistita, grazie alla solerzia con cui la rete opzionale di Adas sistema fluidamente al posto giusto la vettura sulla strada

MERCEDES C 220D MILD HYBRID
Motore: 1.992 cc, 4 cilindri, Diesel Mhev 48V
Potenza massima: 200+20 cv a 4.200 giri
Coppia max:440+200 Nm
Consumo:4,9 l/100 km
Emissioni CO2: 130 g/km
Cambio: automatico a 9 marce
Trazione: posteriore0-100 km/h: 7,3 secondi
Velocità max: 245 km/h
Lunghezza: 4.872 mm
Larghezza: 1.820 mm
Altezza: 1.437 mm
Prezzo: da 51.234 euro


PRO E CONTRO
Motore: fluido e reattivo
Design: elegante e slanciato
Interno: ampio, confortevolee hi-tech
Cambio: non risponde sempre prontamente
Comandi tattili: sul volante sono tanti e poco identificabili
Adas: I sistemi più avanzati sono optional

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti