ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùRallenta la ripresa

Legacoop-Prometeia: nel 2022 Pil a circa +4%, inflazione vicina al 3,5%

A medio termine l’attenzione andrà concentrata sull’impulso che potrà venire da politiche di bilancio di carattere espansivo e dal Pnrr

di Andrea Carli

Caro bollette, Draghi annuncia un intervento di ampia portata

3' di lettura

Dopo il forte rimbalzo messo a segno nel 2021, l'economia italiana proseguirà su un sentiero di crescita pur con ritmi meno elevati: il Pil è atteso in aumento vicino al 4% nel 2022 e oltre il 2% nel 2023. È quanto emerge dal rapporto annuale 2021, realizzato dall’AeraStudi Legacoop e Prometeia, dedicato a un esame del contesto macroeconomico e degli andamenti delle cooperative aderenti a Legacoop. L’indagine sarà presentata oggi, giovedì 10 febbraio.

Inflazione vicina al 3,5% nel 2022; scende all’1% nel 2023

Sulle tendenze, mette in evidenza l’indagine, pesano però alcuni nodi da affrontare. A breve termine, un'inflazione più elevata delle attese (a gennaio +4,8% su base annua, il tasso più elevato da 26 anni), trainata essenzialmente dai rincari dell'energia e delle materie prime, che aumenta le pressioni sulle banche centrali, spingendo le politiche monetarie a muoversi in anticipo rispetto alle attese di qualche mese fa, e alimenta il rischio che l'erosione del potere di acquisto delle famiglie rallenti la ripresa, anche se in prospettiva non sono da attendersi nuove fiammate, con un tasso di inflazione che dovrebbe collocarsi nell'intorno del 3.5% nel 2022, ma scendere decisamente verso l'1% nel 2023. «Nelle nostre previsioni - spiega Mauro Lusetti, presidente di Legacoop -continuiamo a considerare transitoria l'attuale fase di incrementi dei prezzi delle materie prime e dell'energia; ma già così per molte nostre piccole e micro imprese l'impressionante aumento dei costi di produzione è insostenibile, figuriamoci se si protraesse nel tempo o addirittura divenisse strutturale. Insomma: temiamo che quel che non è riuscita a fare la pandemia, finisca per accadere proprio ora che ci si attendeva un rilancio del Paese, che vediamo già ridimensionato negli scenari. Per questo dobbiamo ribadire con forza la nostra preoccupazione, e la richiesta di adeguate, rapide e incisive politiche per alleviare l'impatto del caro-energia».

Loading...

A medio termine l'attenzione andrà concentrata sull'impulso che potrà venire da politiche di bilancio di carattere espansivo (con un impatto medio annuo dell'1,3% del Pil nel triennio 2022-2024) e dal Pnrr, il Piano nazionale di ripresa e di resilienza, rispetto al quale è però prevedibile un minore impulso addizionale nei primi anni rispetto a quanto programmato, con un impatto medio annuo di 0,4 punti percentuali sul Pil tra il 2021 e il 2024.

Veloce discesa del prezzo del gas, ma resterà più elevato dei livelli pre-crisi

Riguardo all'inflazione, pur sottolineando come sui mercati internazionali si stia manifestando qualche timido segnale di attenuazione dei prezzi, più marcato per le materie prime industriali e i metalli, lo studio dedica un focus al mercato del gas naturale, dove i rincari hanno fatto lievitare il prezzo medio di 1 MWh prodotto con questa fonte dai 16,2 Euro (media 2015-2020) ai 95 euro del gennaio 2022. La tendenza, secondo le previsioni dello studio, è quella di una veloce discesa del prezzo che comunque, a motivo della transizione climatica, resterà più elevato dei livelli pre-crisi. Uno scenario che postula alcune condizioni: che una soluzione diplomatica della crisi Ucraina scongiuri il rischio di un conflitto e che la Russia continui ad adempiere ai suoi obblighi contrattuali di fornitura anche attraverso le tradizionali pipeline.

Politiche di bilancio per controbilanciare gli effetti negativi del caro prezzi sulla crescita

I potenziali effetti di freno della crescita prodotti dall'inflazione potranno essere controbilanciati da politiche di bilancio che, dopo il rientro degli interventi emergenziali, prevedono diverse misure espansive, per un ammontare di 25 miliardi all'anno (dei quali 22,6 miliardi di aumento netto delle spese) tra 2022 e 2024, con un impatto medio dell'1,3% del Pil. Le voci più rilevanti sono rappresentate dalla riforma fiscale (oltre 6 miliardi), dalle risorse per imprese, incentivi e fondo PMI (5 miliardi), dalle risorse per la sanità (3,9 miliardi) e da quelle per gli ammortizzatori sociali (3,3 miliardi).

L’effetto Pnrr

Il rapporto mette inoltre in evidenza che un altro elemento determinante, per i suoi effetti sulla crescita, è rappresentato dal Pnrr, con un ammontare complessivo di spese programmate pari a 235,1 miliardi, cui si affiancano 182,7 miliardi di spese aggiuntive che, nelle stime del Governo, raggiungeranno il punto massimo di 40 miliardi nel 2023 per poi calare a 26 miliardi nel 2026. Lo studio ipotizza, invece, una dinamica diversa, prevedendo un impegno pari a 26 miliardi nel 2023 per poi raggiungere il punto più alto (45 miliardi) nel 2026. È quindi da attendersi, nei primi anni, un impulso addizionale minore rispetto a quanto programmato; anche se le cose fatte sono già tante, nel 2022 occorrerà accelerare la realizzazione delle spese (100 milestone e target da rispettare, per ottenere la rata da 46 miliardi) per avere la garanzia di contributi importanti su digitalizzazione, transizione green e istruzione. Una piena implementazione del Pnrr avrebbe un impatto importante anche sulle imprese cooperative, sia per quelle operanti nelle costruzioni e nell'industria, ma anche nella filiera agroalimentare e nel sociale.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti