manovra

Legge di bilancio e decreto fiscale già in ritardo in Parlamento: è corsa contro il tempo

Il governo giallorosso, in linea con i precedenti, ha già sforato il termine del 20 ottobre per consegnare alle Camere il disegno di legge di Bilancio. Latita anche il decreto fiscale, mentre i tempi sarebbero più lunghi per la legge di bilancio, non attesa prima della prossima settimana

di An.Ga.


Manette agli evasori: dall’aumento delle sanzioni alla confisca allargata

2' di lettura

Il governo giallorosso, in linea con i precedenti, ha già sforato il termine del 20 ottobre per consegnare alle Camere il disegno di legge di Bilancio. Latita anche il decreto fiscale che doveva essere pubblicato in
Gazzetta ufficiale il 24 ottobre ma con ogni probabilità slitta alla prossima settimana. Il testo non è ancora stato inviato al Quirinale ed è oggetto di limature. Tra i nodi, spiegano fonti di maggioranza, ci sarebbero le misure che ritardano l'entrata in vigore delle norme su pos e contante e anche dell'inasprimento delle pene per i reati fiscali. Il dubbio, spiegano, è che il rinvio sia difficilmente compatibile con il carattere di necessità e urgenza proprio di un decreto.

Tempi lunghi per la legge di bilancio, non attesa prima della prossima settimana. Ancora non è arrivata in Parlamento ma già, per la manovra, si preannuncia una corsa contro il tempo.

GUARDA IL VIDEO - Manette agli evasori: dall'aumento delle sanzioni alla confisca allargata

Il primo testo su cui si dovranno confrontare le Camere dovrebbe essere comunque il decreto fiscale, che si punta ora a mandare al Quirinale al più presto. Il provvedimento dovrebbe essere assegnato a Montecitorio, alla commissione Finanze guidata dalla M5S Carla Ruocco, sia perché la manovra partirà dal Senato (come vuole la regola non scritta dell’alternanza tra i due rami del Parlamento su chi per primo avvia l’esame della ex finanziaria) sia per evitare che il decreto possa incepparsi a Palazzo Madama, dove l’analoga commissione è presieduta dal leghista Alberto Bagnai.

L’esame di decreto e manovra dovrebbe quindi essere “incrociato”, anche se i tempi non per forza coincideranno. Per l’esame della legge di Bilancio, infatti, le due Camere hanno a disposizione un mese ciascuna (per l'esattezza 40 giorni in prima lettura e 35 in seconda): tempi che non vengono quasi mai rispettati alla lettera.

Il primo appuntamento è comunque quello con le audizioni, dopodiché si entra nel vivo dell'esame solo quando vengono presentati gli emendamenti. Calendario alla mano, quest’anno la legge di bilancio dovrebbe incassare il primo ok a Palazzo Madama tra fine novembre e la prima settimana di dicembre per poi passare a Montecitorio. Laddove i deputati decidessero di modificare ulteriormente il testo, servirebbe una
terza lettura per l'approvazione finale, in tempi flash. Per evitare l'esercizio provvisorio, infatti l'esame della manovra si deve chiudere entro il 31 dicembre.

Il percorso si incrocia anche con il vaglio del progetto di bilancio da parte della Commissione europea, che già ha scritto all'Italia chiedendo chiarimenti. Il governo risponderà il 23 ottobre. Poi Bruxelles dovrà decidere, entro il 30 ottobre, se riscontra gravi violazioni del Patto di stabilità, bocciando, di fatto, la manovra, come accaduto lo scorso anno. Ma questo scenario non dovrebbe ripetersi. Possibile però che il carteggio
tra Ue e Roma continui fino a fine novembre, quando la
Commissione è chiamata a pubblicare il giudizio sui progetti di
tutti i Paesi dell'Eurozona.

(Articolo aggiornato il 24 ottobre alle 19.34)

LEGGI ANCHE / Manovra, dal pos ai superbonus: ecco quando entrano in vigore le nuove misure

LEGGI ANCHE / L'Ue all'Italia: la manovra non rispetta la riduzione del debito. Conte: chiariremo

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...