emergenza covid

Lehmann Maupin, essere globali aiuta

Riviste le priorità da New York a Seoul, riallocato le risorse e accelerato i progetti digitali

di Maria Adelaide Marchesoni

default onloading pic

Riviste le priorità da New York a Seoul, riallocato le risorse e accelerato i progetti digitali


3' di lettura

Con sedi a New York, Hong Kong e Seoul la galleria Lehmann Maupin , fondata nel 1996 da Rachel Lehmann e David Maupin, in questa situazione ha beneficiato dell'“essere globale” e di poter contare su una clientela diversificata. Ma manca il contatto diretto con l'arte, l'impatto più importante tra gallerista e collezionista. La galleria, che rappresenta un'ampia gamma di artisti e lasciti contemporanei provenienti da tutto il mondo, ha potenziato gli investimenti nel digitale.

Quali sono stati gli effetti del Covid-19 sul business dell'arte?
L'industria dell'arte non è ovviamente un'industria isolata. Si basa sulla capacità del pubblico di interagire con l'arte. Gli effetti del Covid sono numerosi, ma l'impatto più evidente e immediato è la mancanza del contatto diretto con l'arte, la capacità di guardare fisicamente l'arte e di interagire con essa. Per il momento, questa è stata sostituita dal digitale. La grande domanda è come questo si svolgerà quando la quarantena si concluderà...

Come ha affrontato la crisi la sua galleria?
Lehmann Maupin esiste da quasi 25 anni. Abbiamo superato altri momenti difficili e, sebbene questo sia unico sotto molti aspetti, io e Rachel abbiamo subito preso provvedimenti per sviluppare un piano di riallocazione delle risorse e per rivedere le priorità dell'azienda. La nostra galleria è globale; abbiamo scoperto che avere una portata internazionale con spazi a Seoul e Hong Kong e una clientela diversificata aiuta enormemente.

Da Maupin l'arte coinvolge

Da Maupin l'arte coinvolge

Photogallery10 foto

Visualizza

Quali misure avete introdotto per mitigare le conseguenze negative del blocco dell'attività della galleria?
Abbiamo spostato le priorità e accelerato notevolmente i progetti digitali sia per la vendita online che per la creazione di contenuti (video in studio, podcast, interviste a lungo termine, ecc.). Stiamo anche cogliendo le opportunità a Seoul e a Hong Kong. Abbiamo gallerie in entrambi i mercati. E avere questa portata geografica e diversità si sta rivelando un enorme vantaggio per noi. Le nostre gallerie sono aperte e gli affari continuano.

Avete ricevuto aiuti di stato o incentivi di sostegno per i dipendenti?
Come molte altre aziende, stiamo esplorando le nostre opzioni per quanto riguarda gli aiuti federali che possono essere disponibili.

A quante fiere avreste dovuto partecipare? Avete dovuto sostenere dei costi nonostante la cancellazione della fiera?
Prima del Covid, quest'anno avevamo in programma 12 fiere internazionali. La maggior parte delle fiere rimborsano le gallerie o offrono piattaforme alternative come Online Viewing Room con le quali esporre le opere.

Quale sarà il modo di godersi l'arte dopo Covid-19?
È difficile dire come sarà il dopo! Io non vedo l'ora di vedere di nuovo l'arte con i miei occhi e non attraverso uno schermo. Visitare musei e gallerie è sempre stata una parte essenziale della mia vita. Qualcuno prova quello che provo io e apprezza moltissimo l'esperienza reale, e la cerca. Tuttavia, come comunità, penso che ci vorrà del tempo per riadattarsi e che le cose non torneranno come prima. La partecipazione alle fiere d'arte cambierà e sono certo che le esposizioni e le vendite online continueranno a crescere di importanza.

I suoi collezionisti hanno acquistato e mostrato interesse per l'arte online in questo periodo?
Assolutamente sì. Stiamo scoprendo che la nostra nuova Online Viewing Room e altre piattaforme digitali stanno generando un vero e proprio interesse. I collezionisti hanno ora il tempo di concentrarsi davvero e di immergersi in profondità in un artista, se lo scelgono. Anche se le vendite sono ovviamente più lente del solito, sono in crescita soprattutto in posti come la Corea - dove vendiamo non solo ai collezionisti fedeli, ma anche a nuovi clienti.

Come vivono i vostri artisti questo momento?
Varia da artista a artista. Proprio come per ognuno di noi. Per alcuni è un momento di intensa emozione che si incanala in un nuovo lavoro o in una nuova ricerca, per altri è un momento di introspezione, di riflessione. Un grande esempio è quello della nostra artista Liza Lou. La sua risposta immediata come artista è stata quella di porre domande su come l'arte può fare la differenza. L'autoisolamento l'ha fatta riflettere sull'importanza e il valore del lavoro in comunità e l'ha portata ad avviare un progetto comunitario su Instagram chiamato “Apartogether” sotto il profilo @apartogether_art . Sta dando alle persone una sollecitazione: fare una coperta di conforto con qualsiasi materiale di scarto e pubblicare i loro progressi su #apartogether_art che poi viene archiviato su www.apartogether.com. La sua speranza è quella di esporre un giorno queste coperte insieme come un indicatore di questo tempo.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...