Aerospazio e difesa

Leonardo cresce negli Usa, prima al mondo negli elicotteri civili

di Riccardo Barlaam


Leonardo avvia a Pisa la produzione dell’elicottero a guida remota

5' di lettura

ATLANTA – DAL NOSTRO INVIATO - Un quarto del fatturato. Il 26% degli 11,7 miliardi di ricavi di Leonardo del 2017 è stato generato negli Stati Uniti. Lo scorso anno questa percentuale è aumentata – potrebbe arrivare al 30% - considerando la forte spinta data dal presidente Donald Trump agli investimenti per la difesa e l'ammodernamento degli apparati militari. Leonardo presenterà i conti dell'anno il 14 marzo ma le anticipazioni positive che arrivano in questi giorni dall'Heli Expo, il più importante salone elicotteristico al mondo in corso ad Atlanta, la città di Martin Luther King, della Coca-Cola e della Cnn, lasciano ben sperare per il gruppo guidato da Alessandro Profumo. Leonardo ha una solida presenza commerciale e industriale negli Stati Uniti con oltre 20 siti e stabilimenti e 6mila dipendenti. Elicotteri, sistemi di difesa per la Marina, equipaggiamenti per l'Esercito, alta tecnologia, sistemi spaziali, radar avanzati, servizi di big data e lotta al cybercrime.

L'esercito più potente al mondo
L'esercito americano è il più potente al mondo. Ogni commessa che arriva dal Pentagono si porta dietro ordinativi da altri Paesi che si fidano delle scelte della Difesa Usa. Come per il recente ordine di elicotteri dell'aviazione israeliana seguito all'aggiudicazione della gara da 1,4 miliardi da parte del gruppo italiano per la fornitura di 84 elicotteri all'Us Air Force per la protezione delle basi missilistiche, il trasporto delle forze speciali e del personale governativo, a partire dall'elicottero best selling di Leonardo AW139.

Leonardo leader nel mondo per elicotteri civili

Us Army, Navy e Air Force
Le due principali attività di Leonardo nel paese sono legate alla controllata Drs, acquisita nel 2008, che produce sistemi di difesa per la Marina ed equipaggiamenti per l'Esercito: protezioni, visori infrarossi e così via. Drs genera circa 2 miliardi di ricavi ed è in crescita. Gli elicotteri fanno il resto, grazie allo stabilimento Leonardo di Philadelphia che ha avviato l'assemblaggio nel 2004 ed è diventato un presidio decisivo per il mercato statunitense, il primo a mondo su base nazionale, sia civile che militare. L'Us Navy assorbe circa il 35% del business mix di Leonardo negli Usa ed è in crescita. Un altro 35% arriva dall'Us Army, ma è in calo con la riduzione delle operazioni internazionali degli Stati Uniti in Iraq, Afghanistan e Siria. Il restante 10% arriva dall'Us Air Force.

Il convertiplano AW609 Leonardo

Lo stabilimento di Philadelphia
Lo stabilimento di Philadelphia, dove lavorano oggi circa 600 dipendenti, ha fortemente contribuito al successo di Leonardo nel Paese producendo e consegnando fino a oggi a clienti americani e export oltre 550 elicotteri e fornendo servizi di supporto per una flotta di oltre 1000 macchine dal Nord al Sud America. La flotta di elicotteri di Leonardo in Nord America, forniti dalle varie linee di assemblaggio tra Europa e Usa, è più che raddoppiata negli ultimi dieci anni, passando da oltre 200 a più di 450.

L'elicottero che vola come un aereo
I prossimi impegni industriali di Leonardo sul mercato elicotteristico americano riguardano l'avvio della produzione in serie del convertiplano AW609, il velivolo avveniristico che decolla come un elicottero e vola come un aeroplano. Il modello di Leonardo è il primo al mondo destinato ad ottenere la certificazione civile dell'Faa americana. A Philadelphia inoltre verranno assemblati gli 84 elicotteri destinati alla Us Air Force. In quest'ultimo caso si tratta di un programma assegnato a settembre 2018 e guidato da Boeing in qualità di prime contractor, per un valore di 2,4 miliardi di dollari (circa 1,4 per Leonardo). L'MH-139 Boeing è basato sull'AW139 di Leonardo, il programma elicotteristico di maggior successo negli ultimi 15 anni per l'industria elicotteristica.

Leonardo prima negli elicotteri

Leonardo prima negli elicotteri

Photogallery9 foto

Visualizza

Elisoccorso e guardia costiera
Non è comunque la prima volta che Leonardo fornisce negli Usa elicotteri a istituzioni e enti pubblici: fra i clienti si ricordano ad esempio, tra gli altri, le forze di polizia di New York, dello stato del Maryland e del New Jersey e il dipartimento antincendio di Los Angeles, i servizi di elisoccorso dello Utah. In passato elicotteri di Leonardo sono anche stati impiegati dal Dipartimento della Homeland Security con Guardia Costiera e Customs & Border Protection. A questi si aggiungono altri numerosi servizi di eliambulanza e di ricerca e soccorso sul territorio nazionale.

Mercato militare in contrazione
Il mercato militare negli elicotteri su scala globale è in contrazione da un paio di anni. Nonostante ciò Leonardo ha avuto un anno record nel 2018: + 20% di consegne grazie alla commessa in Qatar vinta sui francesi e grazie alla gara già ricordata per la fornitura di 84 elicotteri a Us Air Force. Come si ricorderà, una settimana dopo la vittoria della commessa americana, Leonardo perse la gara da 9,2 miliardi per fornire 351 aerei addestratori all'aeronautica americana: l'amministrazione preferì la cordata Boeing-Saab nell'ottica di Trump di rilanciare manifattura Usa e per rilanciare una divisione di Boeing che rischiava di chiudere. Ora l'Italia ha un credito con gli Usa. E considerando i buoni rapporti tra i due governi si guarda con speranza alla nuova commessa miliardaria appena partita per la fornitura di 130 elicotteri alla Us Navy, la cui aggiudicazione è prevista nel 2020.

Il 13% del fatturato in ricerca e sviluppo
Leonardo investe il 13% del fatturato annuo in ricerca e sviluppo. Con la gestione di Profumo il gruppo, a partire dal piano industriale di gennaio 2018, è tornato a investire molto sull'innovazione. Leonardo Drs negli States ha appena concluso l'acquisizione della start up Daylight Solutions, azienda hi-tech leader nello sviluppo di laser avanzata per applicazione industriali e mediche, scanner per il corpo umano (quelli usati negli aeroporti, ad esempio) nell'elettro-ottica e nei sistemi a infrarossi per la difesa. Deal che aggiunge altri 100 milioni di dollari di ricavi al già corposo pacchetto di fatturato americano di Leonardo.

Leadership negli elicotteri civili
Negli elicotteri civili (trasporto, elisoccorso, oil&gas, protezione civile, incendi e così via) nel 2018 Leonardo ha conquistato la leadership mondiale. La quota di mercato è salita dal 33 al 40%. Le consegne sono aumentate del 20%. Ricavi e profittabilità in forte aumento, come ha confermato il numero uno della divisione elicotteri Gian Piero Cutillo. Con l'obiettivo di arrivare ai raddoppiare i profitti a doppia cifra nel 2020. “Funziona la strategia di progettare dei modelli dual use che vengono adattati ai vari utilizzi, militari o civili, a seconda delle esigenze del cliente. E funziona anche l'assistenza nella formazione e nel post vendita su cui puntiamo sempre di più. Il training in particolare è un punto su cui stiamo investendo molto. Siamo gli unici a seguire tutta la filiera”. Un recente sondaggio tra i piloti professionali di elicotteri della rivista di settore Pro Pilot per la prima volta ha riconosciuto a Leonardo la leadership nel comparto degli elicotteri civili dopo 39 anni di dominio incontrastato della rivale Bell.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...