ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAerospaziale

Leonardo spicca in Borsa, commessa in Austria per gli elicotteri

Contratto da 346 milioni con Vienna e rilancio in vista per la divisione aerostrutture

di Eleonora Micheli

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Leonardo sugli scudi a Piazza Affari dopo l'annuncio della commessa austriaca e nonostante la debolezza del FTSE MIB.

La società aerospaziale ha annunciato di avere siglato un contratto di acquisizione per la fornitura di elicotteri AW169M LUH (Light Uitlity Helicopter) destinati al ministero della Difesa austriaco. Il contratto, del valore di 346 milioni di euro, è stato firmato nell’ambito dell’accordo Government-to-Government (G2G) Italia-Austria volto al rafforzamento della collaborazione bilaterale tra i due Paesi e alla definizione di una partnership strategica in campo elicotteristico.

Loading...

Studia rilancio per la divisione aerostrutture

In un articolo Il Sole 24 Ore sostiene che la società starebbe lavorando a un piano di nuovi investimenti da 300 milioni di euro per il rilancio dei siti della divisione aerostrutture, a partire da quello di Grottaglie (Puglia), che sono stati pesantemente colpiti dalla pandemia e dalla conseguente crisi del mercato dell`aeronautica civile. Per Grottaglie l'obiettivo consisterebbe nel diversificare la produzione dell'impianto dove fino ad oggi vengono solo costruite le sezioni della fusoliera in fibra di carbonio del Boeing 787. Tra le opzioni ci sarebbe la produzione dei prototipi del drone ad energia solare, forse in collaborazione con la start-up spagnola-americana Skydweller (di cui Leonardo è anche azionista). A questo si aggiungono la futura produzione delle ali in fibra di carbonio del programma Eurodrone e i nuovi laboratori per lo studio dei materiali avanzati e il nuovo joint Lab con Solvay sui materiali compositi e nuovi processi di produzione.

Gli analisti di Equita hanno ricordato che la divisione aerostrutture è in perdita strutturale ed è la principale responsabile del limitato Free Cash Flow del gruppo, atteso nel 2021 a soli 0,1 miliardi, con le aerostrutture che assorbono 350-400 milioni di liquidità. Secondo gli esperti «il rilancio di questa divisione è fondamentale per un ritorno di interesse per l’equity story che continua a trattare a multipli particolarmente cheap». Ad ogni modo Il Sole 24 Ore sostiene che il 2022 per le aerostrutture sarà ancora un anno di crisi, tanto è vero che Leonardo ha già ottenuto la cassa integrazione per 3.500 dipendenti. Equita, comunque, consiglia di acquistare le azioni di Leonardo, per le quali stima un target di prezzo a 8,8 euro.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti