AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùBorsa

Leonardo volatile a Piazza Affari, resta il rebus contenziosi con Boeing

La società è parte lesa nella vicenda ma secondo gli analisti non si possono escludere strascichi reputazionali per la divisione aerostrutture

di Eleonora Micheli

Expo2020, Leonardo rilancia il brand Agusta per elicotteri Vip

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Leonardo - Finmeccanica volatile a Piazza Affari dopo il tonfo del 7% accusato la vigilia in seguito alla vicenda dei componenti difettosi forniti a Boeing. Si tratta di pezzi consegnati negli ultimi tre anni che, secondo la Federal Aviation Administration inon pregiudicano la sicurezza immediata dei voli, anche se resta da chiarire se saranno necessari richiami di velivoli, mentre quelli non ancora consegnati saranno rilavorati secondo la necessità. A mercati chiusi giovedì il gruppo aerospaziale italiano ha ammesso la circostanza, ma al tempo stesso ha precisato che le componenti difettose sono state in verità realizzate dal subfornitore Manufacturing Processes Specification, che è sotto già indagine da parte della magistratura. «Leonardo risulta parte lesa», ha sottolineato l’azienda, aggiungendo che non si assumerà eventuali oneri a riguardo. Leonardo ha anche rivelato che Manufacturing Processes Specification non è più un suo fornitore.

«Riteniamo non si possano escludere a priori contenziosi e ignoriamo quanto sia solida Manufacturing Processes Specification per l’eventuale esercizio del diritto di rivalsa», hanno però commentato gli analisti di Equita, aggiungendo: «Alla luce degli elementi a disposizione riteniamo che la reazione del titolo di ieri sconti già il rischio di eventuali oneri non ricorrenti, ma resta il problema reputazionale per la divisione aerostrutture (produzione di fusoliere e parti di ali per Boeing, Airbus e ATR) da anni in pessime condizioni». Gli esperti della sim stimano che la divisione nel 2021 registri un fatturato di oltre 600 milioni (circa 5% del fatturato di gruppo), di cui circa metà proveniente da Boeing, e perdite a livello operativo di 150 milioni (14% dell’ebita di gruppo). Il free cash flow, sempre secondo Equita, è negativo sul totale di gruppo di oltre 100 milioni. Equita confida che con la pubblicazione dei risultati del terzo trimestre sia prevista anche la presentazione di un piano di riorganizzazione/conversione della divisione, che potrebbe rappresentare la svolta dopo anni in cui non sono stati fatti interventi struttura. Così per adesso Equita mantiene la raccomandazione di 'buy' sulle Leonardo, per le quali valuta un target di prezzo a 8,8 euro, sebbene definisca rischioso l’investimento.

Loading...
Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti