ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLusso giapponese

Lexus RX, debutta la quinta generazione: ecco com’è il nuovo suv ibrido

Il best seller del premium brand di Toyota si presenta con un terzetto di versioni elettrificate tra cui una sportiva dotata di un sistema ibrido inedito

di Nicola Desiderio

Lexus, un salto nel 2025 con il concept LF-Z Electrified

4' di lettura

BRUXELLES - La Lexus suona la quinta (generazione) con la sua RX, un modello assolutamente fondamentale nella storia del brand del gruppo Toyota poiché nel 1998 è stato il primo suv premium della storia, nel 2004 la prima ibrida per il marchio ed è storicamente la Lexus più venduta con 3,5 milioni di unità.

La nuova RX è lunga 4 metri e 89 come l'attuale, ma è leggermente più bassa (-10 mm), più larga (+25 mm) e con un passo cresciuto di 60 mm, gli stessi tolti allo sbalzo posteriore. Con una calandra a clessidra ancora più pronunciata ed integrata con il cofano, la nuova RX diventa più dinamica e assertiva mantenendo alcuni elementi dell'attuale, come la linea di cintura spezzata e la modanatura nera sul montante posteriore che sospende visivamente il tetto. Già visti sulla UX i gruppi ottici posteriori uniti e, come sulla NX, la L nell'ellisse è sostituita dalla scritta Lexus per esteso.

Loading...
Lexus RX, le foto della nuova generazione

Lexus RX, le foto della nuova generazione

Photogallery20 foto

Visualizza

L'abitacolo è elegante, più ampio e lo è anche il bagaglio del quale non è nota la capacità, ma è più lungo 50 mm e la soglia di carico è più bassa di 30 mm. Si utilizzano solo pelli sintetiche e il posto guida è costruito secondo la filosofia tazuna (briglie del cavallo, in giapponese). La strumentazione digitale è completata dall'head-up display a colori e dallo schermo a sfioramento da 14” del sistema infotelematico aggiornabile over-the-air e con navigazione in cloud. Anche in questo caso, è lo stesso della nuova NX portando una nuova grafica, maggiore risoluzione e alta luminosità. Il processore è 3,6 volte più potente, ma solo Carplay è wireless mentre Android Auto è ancora via cavo. Non mancano la ricarica wireless e, per gli audiofili, un bell'impianto Mark Levinson (brand audio hi-end di Harman, gruppo Samsung) con 21 altoparlanti.

Nella dotazione di sicurezza non può mancare l'airbag centrale anteriore insieme a sistemi di assistenza alla guida che comprendono la frenata automatica d'emergenza con evitamento dell'ostacolo o del pedone con il mantenimento della corsia e il controllo automatico della velocità ancora più perfezionati per offrire una risposta fluida e affidabile. C'è anche il sistema che monitora il grado di stanchezza del guidatore con sensori sul piantone del volante che, in caso di colpo di sonno o malore, arresta la vettura in sicurezza e chiama i soccorsi. Particolarmente avanzati anche i sistemi che facilitano il parcheggio. Accanto al retrovisore interno digitale, 4 telecamere e 12 sensori permettono di ricostruire lo scenario in 3D intorno alla vettura e di apprendere la procedura per entrare ed uscire da tre posteggi utilizzati abitualmente. Infine il sensore dell’angolo cieco blocca le portiere ad apertura elettrica se rileva qualcosa intorno alla vettura.

Anche la piattaforma è la stessa della NX ed è la GA-K mutuata dalla ES, ma con alcune modifiche. Le sospensioni multi-link sono riprese dalla RZ elettrica e c'è la predisposizione per ben quattro diverse varianti propulsive. Tutte hanno motore a 4 cilindri. Immancabile l'ibrido “full” da 245 cv con motore 2.5 a ciclo Atkinson con il solito schema Toyota: due motogeneratori anteriori integrati nella trasmissione a rotismo epicicloidali che funge da cambio CVT e motore elettrico posteriore. L'ibrida plug-in ha 306 cv e una batteria agli ioni di litio alloggiata sotto il pavimento da 18,1 kWh di capacità e ricaricabile fino a 6,6 kW. Può marciare in elettrico per almeno 65 km e ha emissioni medie pari a 24-26 g/km di CO2. La grande novità però è la versione sportiva RX 500h dotata di un sistema ibrido inedito.

Il motore a scoppio da 2,4 litri è infatti, per la prima volta turbocompresso ed è accoppiato ad un elettrico, dotato di due frizioni, ed a un cambio automatico a 6 rapporti cui si aggiunge un motore elettrico posteriore da 80 kW. La potenza totale è di 371 cv per uno 0-100 km/h in circa 6 secondi, ma la differenza è nelle sensazioni: il collegamento diretto tra i motori e le ruote cancella l'effetto di trascinamento e permette di utilizzare le microregolazioni dell'elettrico per bilanciare l'assetto in tempo reale. I tecnici Lexus chiamano questo sistema di ripartizione Direct4 e il suo obiettivo è ottenere la Lexus Driving Signature, ovvero quella sensazioni di guida che punta a creare una profonda integrazione con la vettura attraverso le forze che vengono trasmesse al corpo del pilota.

Le particolarità non si fermano qui perché, a differenza di quanto fanno altri marchi, la versione più sportiva in gamma non è ibrida plug-in e, così come l'altra ibrida, non sfrutta una batteria al litio, ma al Ni-Mh bipolare. Secondo i tecnici giapponesi, è più pronta nell'erogazione di potenza e, non avendo Cobalto e Litio è più economica e più facile da riciclare. Sulla 350h è posizionata sotto i sedili posteriori, altrettanto sulla 500h, ma ha dimensioni superiori e l'elettronica di potenza è integrata insieme al motore e alla trasmissione posteriore. A questo proposito, va detto che il peso è stato diminuito di 90 kg, grazie ai parafanghi e al cofano in alluminio ed acciai con carichi di rottura fino a 2 MPa, e il baricentro è più basso di 15 mm, grazie anche alle carreggiate più larghe (+54 mm dietro e +15 mm davanti).

La versione e più potente ha anche le sospensioni a controllo elettronico e le 4 ruote sterzanti che, con 4 gradi di sterzatura posteriore, promettono agilità e stabilità maggiori oltre ad accorciare il raggio di sterzata di mezzo metro. Non per il nostro mercato, ci sarà anche una versione con motore a benzina in purezza (2.4 turbo da 279 cv), cambio automatico a 8 rapporti e trazione integrale meccanica. La nuova Lexus RX inizierà ad essere prodotta in ottobre per arrivare nei concessionari entro la fine dell'anno, ma si può già prenotare con 300 euro in attesa di conoscere il listino. Con 1.000 euro si può avere il pacchetto Omotenashi che ha un valore di 4.800 euro e comprende le ruote da 21” con kit invernale, il programma di assistenza e manutenzione per 3 anni o 45.000 km e il servizio di presa e consegna a casa della vettura.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti