BREVE VADEMECUM

Lezioni al via: dalla app Immuni alla mensa, ecco cosa si può fare e cosa no si può fare a scuola

L’elenco degli accorgimenti da adottare in tempo di pandemia è lungo e nutrito. La scuola di oggi è differente da quella che gli studenti hanno lasciato il 4 marzo

di An.C.

La scuola riapre, ecco come Milano accoglie gli studenti

L’elenco degli accorgimenti da adottare in tempo di pandemia è lungo e nutrito. La scuola di oggi è differente da quella che gli studenti hanno lasciato il 4 marzo


3' di lettura

Al via con soluzioni vivamente consigliate e veri e propri paletti. È suonata la campanella e già ancor prima di mettere piede in classe gli studenti sono chiamati a fare i conti con un pacchetto di regole da rispettare.

Non dimenticare di misurarsi la temperatura a casa prima di uscire per raggiungere insegnanti e compagni, pulirsi in maniera accurata e ripetutamente le mani, scaricare l’App Immuni se si hanno dai 14 anni in su, indossare sempre la mascherina quando ci si sposta, in mensa servirsi di piatti e posate di plastica o compostabili.

L’elenco degli accorgimenti da adottare è lungo e nutrito. La scuola di oggi è differente da quella che gli studenti hanno lasciato il 4 marzo.

Ecco un breve vademecum sulle nuove regole, su cosa è opportuno fare e cosa no.

COSA È OPPORTUNO FARE

Misurare la temperatura prima di uscire di casa

Ogni giorno gli studenti sono tenuti a misurare la temperatura. Se si ha più di 37,5°, o sintomi riconducibili al covid, bisogna restare a casa e contattare il medico. Se successivamente all'ingresso l'alunno dovesse avere la febbre o mostrare sintomi simil influenzali non potrà permanere all'interno della scuola.

Lavare spesso le mani

Occorre lavare spesso le mani e usare prodotti igienizzanti messi a disposizione all'interno dell'istituto. Ogni istituto sarà pulito giornalmente e igienizzato periodicamente. Qualora le attività didattiche si svolgano in locali esterni alla scuola, gli enti locali o i proprietari dei locali dovranno certificarne l'idoneità, in termini di sicurezza e dovranno essere definite le responsabilità delle pulizie e della sorveglianza.

Nell’entrare e nell’uscire seguire i percorsi definiti

Ingressi e uscite sono differenziati, basta seguire le indicazioni predisposte dalla scuola. Sarà limitato l'accesso a visitatori ed esterni. L'eventuale ingresso del personale e degli studenti già risultati positivi al covid deve essere preceduto da una preventiva comunicazione con la certificazione medica da cui risulti la “avvenuta negativizzazione” del tampone.

A chi ha più di 14 anni il consiglio di scaricare Immuni

Se l'alunno ha dai 14 anni in su, è bene che scarichi l'app Immuni che consente di rilevare un'eventuale esposizione al Covid-19.

Mantenere il distanziamento

È necessario evitare ogni assembramento e mantenere sempre almeno un metro di distanza, in classe e in ogni ambiente dell'Istituto scolastico

Mascherina obbligatoria quando ci si sposta

La mascherina va indossata sempre se si è in movimento o negli spazi comuni. Al banco, se è rispettato il metro di distanza, si può togliere. Sotto i 6 anni non è prevista.

Un solo accompagnatore per studente

È previsto un solo accompagnatore per studente. Ogni scuola ha informazioni sull'accesso nel proprio sito.

Isolare i sintomatici

Se una persona presente a scuola dovesse avere febbre o sintomi di infezione respiratoria si dovrà procedere al suo isolamento e provvedere quanto prima al ritorno presso il domicilio per poi seguire il percorso medico previsto.

Se si è assenti oltre i 3 giorni serve certificato medico

In caso di assenza sopra i tre giorni per malessere non riconducibile al Covid i presidi chiedono venga reintrodotta l'obbligatorietà del certificato di riammissione a scuola.

Compiti in quarantena

Alcuni istituti prevedono la quarantena per gli elaborati in classe: verranno messi dagli alunni in alcuni scatoloni e lì staranno per alcuni giorni per evitare eventuale trasmissioni del virus.

COSA NON  SI DEVE FARE

Stop allo sport

No agli sport o ai giochi di gruppo a causa dei contatti troppo ravvicinati, sì ai giochi individuali ma sempre a distanza di due metri. La ginnastica dovrà essere praticata all'aperto o in locali molto grandi che consentano un efficace ricambio di aria.

No al canto

Non si potrà cantare - a meno che le aule non siano molto grandi - per via della maggior quantità di particelle emesse dalla bocca che, per via dello sforzo, possono arrivare più lontano.

Ricreazione sì ma non tutti insieme

Sarà possibile fare la ricreazione ma non tutti insieme nei corridoi. L'intervallo sarà fatto a turni e gli alunni non potranno scambiarsi le merende. Alcuni istituti opteranno per la ricreazione in classe

Vietato lo smistamento delle classi

Se un docente sarà assente, gli alunni non potranno essere smistati nelle altre classi.

Piatti di plastica in mensa

Non potranno essere utilizzati posate e piatti lavabili ma solo di plastica o compostabili. Vanno bene i contenitori monoporzione. La sorveglianza sarà maggiore visto che per pranzare gli studenti non indosseranno la mascherina. Alcuni Istituti opteranno per il lunch box in classe.

Leggere da uno stesso libro

Non si potrà parlare all'orecchio dei compagni, passarsi oggetti, leggere su uno stesso libro perchè bisognerà mantenere il distanziamento.

Docenti tra i banchi

Mai più prof che passano tra i banchi durante i compiti in classe per controllare eventuali copiature: lo potranno fare solo in situazioni in cui è garantito il distanziamento sociale.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti